Sindacati Regionali di Stampa

Il nuovo blog delle sindacaliste e dei sindacalisti delle Associazioni regionali di stampa della Fnsi

Ok alla riforma dell’Inpgi. Camporese: “Sforzo per mantenere sostenibilità e adeguatezza”. Lorusso: “Recepite le osservazioni della Fnsi”

Il Cda dell'Inpgi ha approvato la riforma

Il Cda dell’Inpgi ha approvato la riforma

Sacrifici, ma per tutti. Mantenendo attenzione per le fasce più deboli e favorendo una ripresa dell’occupazione attraverso gli sgravi contributivi triennali per le assunzioni a tempo indeterminato, approvati sempre nella seduta di ieri. In più sono state introdotte clausole di salvaguardia per i colleghi già coinvolti in stati di crisi per evitare il fenomeno degli esodati. Il Cda dell’Inpgi ha approvato la manovra di riequilibrio dei conti dell’ente di previdenza. Con 9 voti a favore, 2 contrari e un astenuto, il testo licenziato passa ora ai ministeri vigilanti per l’approvazione definitiva. La delibera introduce interventi in materia di entrate contributive, con un aumento delle aliquote a carico di lavoratori attivi (nella misura dello 0,50 per cento) e delle aziende editoriali (0,53 per cento, oltre all’1 per cento a decorrere dal primo gennaio 2016, già previsto dalla manovra del 2011). Per gli attivi vengono inoltre riviste le aliquote di rivalutazione delle pensioni. L’età pensionabile degli uomini passa a 66 anni dal 2016. La stessa norma andrà a regime per le donne dal primo luglio 2020: è stato introdotto un meccanismo progressivo di innalzamento di un anno ogni diciotto mesi. Una progressione di 18 mesi è prevista anche per l’aumento dell’età per l’accesso alla pensione di anzianità: dagli attuali 62 anni con 35 anni di contributi si passerà a 62 anni con 40 anni di contributi, che andrà a regime il primo gennaio 2022. Fino al 31 dicembre 2021 sarà possibile accedere alla pensione di anzianità con 40 anni di contributi a prescindere dall’età. Vengono comunque introdotte clausole di salvaguardia per le pensioni di anzianità e di vecchiaia in favore di colleghi e colleghe coinvolti in stati di crisi o che hanno sottoscritto accordi individuali o collettivi: in presenza di determinate condizioni, vengono mantenute le attuali regole per un periodo massimo di due anni. La delibera prevede anche un contributo di solidarietà, progressivo per scaglioni di reddito e con durata limitata a cinque anni, a carico delle pensioni in essere: si va da un minimo dello 0,5 per cento al 18 per cento per le pensioni superiori ai 195mila euro. Nessun contributo sarà dovuto dai pensionati con un assegno annuo fino a seimila euro lordi (l’equivalente della pensione sociale). Ritoccata anche l’indennità di disoccupazione: sarà ridotta del 5 per cento mensile dal 181esimo al 450esimo giorno (dal settimo al 15esimo mese) e del 50 per cento dal 451esimo giorno al 720 giorno (dal 16esimo al 24esimo mese). La manovra passa ora all’esame dei ministeri dell’Economia e del Lavoro per l’approvazione definitiva.  Il Cda dell’Istituto ha inoltre approvato all’unanimità gli sgravi contributivi triennali per le assunzioni a tempo indeterminato: la norma entrerà in vigore dopo l’ok dei ministeri vigilanti. Verranno inoltre ridotte del 10 per cento le indennità di carica del presidente, dei consiglieri di amministrazione e dei sindaci. “La riforma varata oggi – ha commentato il Presidente dell’Inpgi Andrea Camporese – appare inevitabile sul piano del rispetto delle norme di legge e della tutela stessa degli interessi degli iscritti. La drammatica crisi occupazionale del settore, che perdura da sette anni, ha subito una ulteriore fortissima accelerazione nell’ultimo triennio con un indice di perdita di posti di lavoro sei volte superiore a quello registrato nel Paese. I richiami dei Ministeri Vigilanti, della Corte dei Conti, del Collegio Sindacale, inevitabilmente hanno registrato un forte deterioramento della sostenibilità prospettica a causa di elementi totalmente esogeni alla gestione dell’Istituto.A partire da questi elementi di quadro, che richiamano ad una forte responsabilità le Parti Sociali e l’Inpgi stesso, la riforma inviata ai Ministeri Vigilanti arriva al termine di una profonda analisi da parte del Cda. L’ampiezza del ventaglio degli interventi, la distribuzione dei sacrifici, la forte garanzia di transizione attraverso le clausole di salvaguardia, il mantenimento di un sensibile vantaggio rispetto alle norme in essere nel sistema pubblico, testimoniano di uno sforzo evidente di garantire sostenibilità e adeguatezza. Le analisi attuariali, redatte in forza di legge, in base ai parametri forniti dai Vigilanti, dal professor Marco Micocci, evidenziano come le misure adottate “colgono nell’obiettivo di ripristinare l’equilibrio tecnico attuariale e la sostenibilità dell’Istituto. Il patrimonio non si azzera mai e le prestazioni promesse agli iscritti possono essere tutte onorate”. Un neo assunto, a parità di contribuzione con il sistema generale, riceverà un assegno di pensione superiore del 28 per cento, nonostante l’intervento varato. Un disoccupato, nonostante la limatura dell’assegno che costituisce la misura di gran lunga meno severa dell’intero impianto riformatore, riceverà una integrazione al reddito doppia rispetto al sistema generale. Il contributo straordinario e temporaneo richiesto ai pensionati, circa 20 euro netti al mese per una pensione di 60 mila euro lordi di pensione, si colloca in un contesto generale di sacrificio a sostegno del destino complessivo della categoria. Spiace la nota emessa da Fieg, nella quale pur apprezzando lo sforzo generale non si ritiene di esprimere un parere definitivo, in ogni caso è dovere dell’Istituto mantenere aperta la disponibilità al confronto in vista di ogni azione positiva a favore del sistema. E’ di notevole importanza anche la delibera assunta, sottoposta all’approvazione dei Ministeri Vigilanti, che mira a far accedere tutti i datori di lavoro agli sgravi contributivi concessi dallo Stato per le assunzioni a tempo indeterminato. Si tratta di agevolazioni molto importanti, che arrivano fino a 8 mila euro annui per tre anni, che vanno nella tanto auspicata direzione della crescita della platea dei giornalisti attivi. Sento di dover ringraziare i colleghi del Cda per l’impegno e la serietà profusi in molti mesi di analisi e simulazioni che hanno portato ad una sostanziale condivisione della riforma con la sola eccezione del contributo posto a carico dei pensionati che ha portato al dissenso di due consiglieri. Ringrazio il rappresentante della Presidenza del Consiglio dei Ministri che non solo ha votato a favore della riforma, ma ha anche sostenuto nel suo intervento che questo è solo il primo passaggio di un intervento riformatore complessivo del sistema. Su questo argomento il Consiglio di amministrazione ha approvato, all’unanimità, un ordine del giorno sulle opportune riforme legislative che l’Inpgi propone”. Positiva anche la valutazione del sindacato:  “In un quadro generale di necessaria e inevitabile revisione delle prestazioni – afferma Raffaele Lorusso, segretario generale della Fnsi – la manovra raggiunge l’obiettivo dell’equità, della sostenibilità e, soprattutto, della serietà e della responsabilità. Le misure riguardano infatti la categoria nel suo complesso: tutti sono chiamati a fare sacrifici per salvaguardare l’autonomia dell’ente previdenziale. L’Inpgi ha sostanzialmente recepito le osservazioni allegate al parere favorevole espresso dalla giunta esecutiva della Fnsi, salvaguardando soprattutto i colleghi e le colleghe di aziende in crisi. Particolare importanza riveste per il sindacato la previsione di criteri di gradualità e di progressività che eviteranno il fenomeno degli esodati. Ispirate a principi di equità e sostenibilità sono poi le clausole di salvaguardia in favore delle giornaliste e per coloro che raggiungeranno i 40 anni di contribuzione entro il 2021. Il contributo di solidarietà a carico delle pensioni in essere, contestato da una minoranza rumorosa di pensionati, alla fine si riduce in un prelievo progressivo di poche decine di euro, ma introduce un elemento di solidarietà intergenerazionale in favore del quale si sono espressi molti colleghi oggi in pensione. Un piccolo sacrificio viene imposto anche ai trattamenti di disoccupazione: non va però dimenticato che il regime garantito dall’Inpgi resterà di gran lunga più favorevole di quello previsto dal sistema generale. Anche il cda ha voluto fare la sua parte, approvando il taglio del dieci per cento delle indennità del presidente e dei consiglieri, che diventerà operativo dopo il via libera del consiglio generale, competente per statuto. È poi significativo che, nella stessa riunione, siano stati approvati gli sgravi contributivi per le assunzioni a tempo indeterminato. Soltanto la ripresa dell’occupazione potrà infatti assicurare agli istituti della categoria una sostenibilità nel lungo periodo. Necessari, in tal senso, saranno interventi mirati sulle leggi di sistema per mettere al passo con i tempi l’intera categoria. Il mondo è cambiato e bisogna prenderne atto. Si rassegnino quanti – con il solo obiettivo di salvaguardare le proprie rendite di posizione o per mero tornaconto elettorale – continuano a ragionare con le categorie di un’altra epoca storica, vendendo illusioni a quanti aspirano legittimamente a entrare nel mondo del lavoro o, peggio ancora, strizzando l’occhio alla parte più reazionaria delle aziende editoriali”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informativa sui cookies

La piattaforma Wordpress utilizza i cookies. Questo blog, indipendentemente dalla volontà di chi lo aggiorna, rientra di conseguenza nella normativa in materia. Per ottemperare agli obblighi di legge sull'uso dei cookies, Wordpress consiglia di inserire nel blog un widget di testo - come questo - con un link alla Privacy Policy della piattaforma nella quale sono contenute le informazioni sui cookies utilizzati. Ad ogni modo, ricorda ancora Wordpress, è sempre possibile rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Proseguendo con la consultazione del blog si accetta l’utilizzo dei cookie.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: