Sindacati Regionali di Stampa

Il nuovo blog delle sindacaliste e dei sindacalisti delle Associazioni regionali di stampa della Fnsi

In Veneto entra in vigore la legge sull’editoria. Il sindacato: “Ora la Regione si impegni ad applicarla”

Legge sull'editoria in Veneto

Legge sull’editoria in Veneto

La legge sull’editoria nella regione Veneto è dunque realtà. Passata senza rilievi all’esame del Governo è formalmente entrata in vigore e ora attende di compiere il passo più importante, quello della reale applicazione. “Il Sindacato giornalisti del Veneto esprime grande soddisfazione per l’entrata in vigore della legge n. 12/2015 – si legge in un comunicato – a sostegno del sistema radiotelevisivo veneto, dell’editoria locale e per un compenso equo, approvata dal precedente Consiglio regionale del Veneto – su iniziativa di una trentina di consiglieri regionali di diverso colore politico, primo firmatario il Presidente del Consiglio Clodovaldo Ruffato – e su sollecitazione del Sindacato giornalisti del Veneto e dell’Ordine professionale. La legge, approvata dal Consiglio regionale del Veneto nell’ultima seduta dello scorso aprile, non avendo subito rilievi dal Governo è entrata in vigore e attende ora il regolamento attuativo della Giunta regionale. La legge approvata impegna le istituzioni a tutelare l’informazione in quanto tutela indispensabile per la democrazia e la partecipazione, guarda oltre la crisi del settore promuovendo nelle aziende editoriali rinnovamento, pluralismo, competenza e superamento del precariato e si rivolge a tutto il sistema dell’informazione, dalle agenzie alla carta stampata, dall’emittenza al web, dagli uffici stampa alla comunicazione istituzionale, prevedendo misure di sostegno e di innovazione per tutti i diversi settori del giornalismo. Il Sindacato giornalisti del Veneto – conclude il documento – auspica che la Giunta regionale dia rapida attuazione ad una norma che aiuterà il settore che sta affrontando una crisi profonda, ma soprattutto consentirà ai cittadini veneti di continuare ad avere una pluralità di fonti informative”. La legge prevede una dotazione finanziaria importante: seicentomila euro per il 2015, un milione per il prossimo anno. L’erogazione dei contributi regionali è riservata, secondo criteri e punteggi che dovranno essere definiti dalla Giunta, alle redazioni giornalistiche che si avvalgono di giornalisti professionisti dipendenti assunti con contratto giornalistico a tempo pieno, producono programmi di informazione locale, rispettano adeguati parametri di copertura geografica del territorio e di popolazione servita. Alle provvidenze regionali non avranno diritto le emittenti che privilegiano televendite e programmi meramente commerciali, oltreché le emittenti incorse in violazione dei codici di comportamento e sanzionate da Agcom.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informativa sui cookies

La piattaforma Wordpress utilizza i cookies. Questo blog, indipendentemente dalla volontà di chi lo aggiorna, rientra di conseguenza nella normativa in materia. Per ottemperare agli obblighi di legge sull'uso dei cookies, Wordpress consiglia di inserire nel blog un widget di testo - come questo - con un link alla Privacy Policy della piattaforma nella quale sono contenute le informazioni sui cookies utilizzati. Ad ogni modo, ricorda ancora Wordpress, è sempre possibile rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Proseguendo con la consultazione del blog si accetta l’utilizzo dei cookie.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: