Sindacati Regionali di Stampa

Il nuovo blog delle sindacaliste e dei sindacalisti delle Associazioni regionali di stampa della Fnsi

 #ControCorrente Inpgi in pillole/3 – La crisi dell’Inpgi è la crisi del lavoro

Non si allenta la crisi nel settore dell'editoria

Non si allenta la crisi nel settore dell’editoria

La crisi dell’Inpgi è la crisi del settore dell’editoria. I motivi del suo sbilancio vanno ricercati in un mercato del lavoro giornalistico sempre più debole, sempre più frammentato, sempre più incerto. Con monte stipendi drasticamente crollato. Senza lavoro non ci può essere previdenza.

Dal 2009 al 2019, cioè da quando i prepensionamenti sono a carico dello Stato, l’Inpgi ha avuto 1121 casi, persone che prima di andare in pensione avevano una retribuzione media di 95mila euro e che sono uscite dal mondo del lavoro: in questi dieci anni, dal 2009 al 2019 l’Inpgi ha incassato 167 milioni di contributi in meno.

Dal 2014 al 2019  sono state 408 le aziende che hanno utilizzato la Cigs per una spesa totale, a carico dell’Inpgi, di 20,5 milioni a cui vanno aggiunti contributi figurativi per 46 milioni. Negli stessi cinque anni ci sono state 394 aziende che hanno utilizzato la solidarietà per una spesa totale di 61,3 milioni più 68,2 milioni di contributi figurativi.

Sono circa 7.000 ogni anno i colleghi che vengono tutelati con gli ammortizzatori sociali.

Nel 2019 l’Inpgi ha chiuso con uno sbilancio di 169,14 milioni. Il rapporto per le prestazioni Ivs

(cioè invalidità, vecchiaia, superstiti) e le entrate per contributi Ivs correnti nel 2019 è stato del 161,72%.  Il rapporto tra il totale della spesa per prestazioni e le entrate contributive complessive è del 143,34% : ogni 100 euro incassati l’Inpgi ne spende 143 per l’assistenza ai suoi iscritti.

 

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 18 gennaio 2020 da in Assostampa Regionali, Elezioni, Giornalisti, Inpgi con tag , , , .

GDPR

Teniamo molto alla protezione dei vostri dati personali perchè crediamo in una comunicazione aperta, sicura e trasparente.

In occasione dell’entrata in vigore, a partire dal 25 maggio, del Regolamento Generale sulla Protezione dei dati (GDPR) nell’Unione Europea 2016/679, vi comunichiamo che utilizziamo i vostri dati personali (nome e indirizzo e-mail) esclusivamente per l’invio delle nostre notizie di attività sindacale.

Chi desiderasse essere cancellato/a dal, troverà in calce a ogni mail il bottone annulla iscrizione.

Informativa sui cookies

La piattaforma Wordpress utilizza i cookies. Questo blog, indipendentemente dalla volontà di chi lo aggiorna, rientra di conseguenza nella normativa in materia. Per ottemperare agli obblighi di legge sull'uso dei cookies, Wordpress consiglia di inserire nel blog un widget di testo - come questo - con un link alla Privacy Policy della piattaforma nella quale sono contenute le informazioni sui cookies utilizzati. Ad ogni modo, ricorda ancora Wordpress, è sempre possibile rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Proseguendo con la consultazione del blog si accetta l’utilizzo dei cookie.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: