Sindacati Regionali di Stampa

Il nuovo blog delle sindacaliste e dei sindacalisti delle Associazioni regionali di stampa della Fnsi

Se l’amministratore giudiziario offende i giornalisti sui social: protesta il Cdr della Gazzetta del Mezzogiorno

Nota del Cdr della Gazzetta del Mezzogiorno

Nota del Cdr della Gazzetta del Mezzogiorno

Il Cdr, a nome dei giornalisti de «La Gazzetta del Mezzogiorno», esprime tutto il proprio stupore per la superficialità con cui il commercialista siciliano Luciano Modica – uno dei due amministratori giudiziari nominati dal Tribunale di Catania – affronta argomenti delicati inerenti la vita delle aziende amministrate – fra le quali appunto anche la Gazzetta – «esternando» sui social, dove si lascia andare a considerazioni non veritiere e che suonano come offensive per la dignità dei lavoratori, da mesi in stato di precarietà e in credito di alcune mensilità arretrate di stipendio (in pratica si lavora gratis per garantire l’informazione ai lettori di Puglia e Basilicata), oltre che di due anni di versamenti di Tfr.

È doloroso apprendere che mentre la Gazzetta continua a navigare nell’incertezza a causa della strategia attuata dalla amministrazione giudiziaria, che non ha mai dato una risposta sul futuro, a Catania il quotidiano La Sicilia, affidata alle stesse mani, sia oggetto di un piano di rilancio e di un ripensamento del prodotto editoriale.

Stesso trattamento non è stato invece riservato alla Gazzetta i cui giornalisti ora apprendono – sempre da Facebook – che le responsabilità sarebbero da attribuire a loro, colpevoli di non aver dato seguito supinamente a chi proponeva tagli da macelleria sociale senza offrire alcuna prospettiva concreta per l’avvenire della testata e dei suoi dipendenti. Una beffa alla quale ora si aggiunge anche il danno di aver appreso dal proprio fondo di previdenza complementare di ulteriori versamenti non effettuati benché di natura contrattuale. Una situazione grave e che va ad aggiungersi alle precedenti, verificatesi durante la gestione dell’ex direttore generale Franco Capparelli, fuori da Edisud, ma ancora incredibilmente in sella a Mediterranea, la concessionaria che raccoglie la pubblicità.

I giornalisti della «Gazzetta» sono certi che il Tribunale di Catania farà tutto quanto è nei suo i poteri per impedire che tali deprecabili comportamenti si ripetano, in quanto non è accettabile che amministratori giudiziari che agiscono per conto dell’Autorità Giudiziaria, si intrattengano in polemiche e contraddittori sui social. I giornalisti della Gazzetta, a prescindere dagli imminenti, annunciati riassetti societari, si augurano dunque che venga al più presto ristabilito il rispetto delle leggi dello Stato.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 17 giugno 2019 da in Assostampa Regionali, Fnsi, Giornalisti, Quotidiani, sindacato con tag , , , .

GDPR

Teniamo molto alla protezione dei vostri dati personali perchè crediamo in una comunicazione aperta, sicura e trasparente.

In occasione dell’entrata in vigore, a partire dal 25 maggio, del Regolamento Generale sulla Protezione dei dati (GDPR) nell’Unione Europea 2016/679, vi comunichiamo che utilizziamo i vostri dati personali (nome e indirizzo e-mail) esclusivamente per l’invio delle nostre notizie di attività sindacale.

Chi desiderasse essere cancellato/a dal, troverà in calce a ogni mail il bottone annulla iscrizione.

Informativa sui cookies

La piattaforma Wordpress utilizza i cookies. Questo blog, indipendentemente dalla volontà di chi lo aggiorna, rientra di conseguenza nella normativa in materia. Per ottemperare agli obblighi di legge sull'uso dei cookies, Wordpress consiglia di inserire nel blog un widget di testo - come questo - con un link alla Privacy Policy della piattaforma nella quale sono contenute le informazioni sui cookies utilizzati. Ad ogni modo, ricorda ancora Wordpress, è sempre possibile rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Proseguendo con la consultazione del blog si accetta l’utilizzo dei cookie.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: