Sindacati Regionali di Stampa

Il nuovo blog delle sindacaliste e dei sindacalisti delle Associazioni regionali di stampa della Fnsi

Milano, avanti insieme con il patto di maggioranza

“La maggioranza dell’ALG (Stampa Democratica, Nuova Informazione, Non Rubateci il Futuro, Movimento Liberi Giornalisti, Impegno Sindacale Unitario) condivide e si impegna a sviluppare queste linee guida, che stanno alla base anche del progetto di #ControCorrente.
La maggioranza dell’ALG si riconosce nell’espressione politica della maggioranza federale uscita dal Congresso di Chianciano, ne condivide il progetto sindacale e si impegna a svilupparlo”.
Sono queste le due “colonne” che sostengono il documento approvato dopo la manifestazione che si è svolta a Milano. Ecco il testo del documento:

“In occasione della Manifestazione nazionale organizzata a Milano il 30 maggio 2018 dalla FNSI in collaborazione con l’ALG, dopo le relazioni del Segretario generale della Federazione Raffaele Lorusso, del presidente Giuseppe Giulietti, del presidente dell’Associazione Lombarda Paolo Perucchini e dopo gli interventi dei colleghi e il dibattito conseguente, è emerso un chiaro quadro della situazione specifica dell’editoria lombarda e delle linee guida alle quali il sindacato intende attenersi per la sua azione sul territorio.

La maggioranza dell’ALG (Stampa Democratica, Nuova Informazione, Non Rubateci il Futuro, Movimento Liberi Giornalisti, Impegno Sindacale Unitario) condivide e si impegna a sviluppare queste linee guida, che stanno alla base anche del progetto di #ControCorrente.

La maggioranza dell’ALG si riconosce nell’espressione politica della maggioranza federale uscita dal Congresso di Chianciano, ne condivide il progetto sindacale e si impegna a svilupparlo.

Per questo, nei modi e nelle forme che saranno ritenute più opportune in Lombardia, ci presenteremo con un programma unitario alle elezioni per le cariche sociali della ALG e dei delegati al congresso della FNSI, partecipando alla battaglia nazionale per rilanciare il sistema dell’editoria, afflitto da una crisi decennale senza precedenti, a un tempo strutturale e congiunturale.

I giornalisti, cardine di questo sistema, hanno pagato più degli altri attori del settore, perdendo posti di lavoro, diritti e autonomia. Insieme al nostro lavoro, è a rischio ben altro: un’informazione libera, autonoma, indipendente. È a rischio la libertà di stampa, pilastro di una democrazia moderna, altrimenti vittima delle fake news. È necessario puntare su autorevolezza e qualità, chiamando alle responsabilità civili gli editori che hanno affrontato la crisi solo attraverso lo strumento dei tagli al costo del lavoro, molti dei quali scaricati sull’Istituto di Previdenza dei Giornalisti italiani, mettendolo in difficoltà.

Ci impegniamo quindi a un’azione unitaria, in naturale raccordo con la maggioranza federale, da proseguire nei prossimi mesi con l’analisi dei temi e delle esigenze provenienti dal territorio per mettere a punto proposte specifiche da portare all’attenzione nazionale, sia sul piano dei diritti sia delle libertà.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 1 giugno 2018 da in Giornalisti con tag , , , .

GDPR

Teniamo molto alla protezione dei vostri dati personali perchè crediamo in una comunicazione aperta, sicura e trasparente.

In occasione dell’entrata in vigore, a partire dal 25 maggio, del Regolamento Generale sulla Protezione dei dati (GDPR) nell’Unione Europea 2016/679, vi comunichiamo che utilizziamo i vostri dati personali (nome e indirizzo e-mail) esclusivamente per l’invio delle nostre notizie di attività sindacale.

Chi desiderasse essere cancellato/a dal, troverà in calce a ogni mail il bottone annulla iscrizione.

Informativa sui cookies

La piattaforma Wordpress utilizza i cookies. Questo blog, indipendentemente dalla volontà di chi lo aggiorna, rientra di conseguenza nella normativa in materia. Per ottemperare agli obblighi di legge sull'uso dei cookies, Wordpress consiglia di inserire nel blog un widget di testo - come questo - con un link alla Privacy Policy della piattaforma nella quale sono contenute le informazioni sui cookies utilizzati. Ad ogni modo, ricorda ancora Wordpress, è sempre possibile rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Proseguendo con la consultazione del blog si accetta l’utilizzo dei cookie.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: