Sindacati Regionali di Stampa

Il nuovo blog delle sindacaliste e dei sindacalisti delle Associazioni regionali di stampa della Fnsi

Giornalisti per la riforma – ContrOrdine, l’importanza della squadra

Alessandra Costante

Alessandra Costante

di ALESSANDRA COSTANTE

L’1 e il 2 ottobre i giornalisti italiani sono chiamati al voto per il rinnovo del Consiglio nazionale e dei Consigli regionali dell’Ordine dei giornalisti.

Recentemente la legge sull’editoria è intervenuta sulla governance del CNOG riducendo i consiglieri nazionali da 156 a 60, ma soprattutto riportando in mano a chi davvero fa il nostro mestiere il controllo della professione. E’ da questo che si deve ripartire per adeguare ai nostri tempi una professione che è rimasta ferma al palo: basta pensare che la legge istitutiva dell’Ordine ormai ha 48 anni e rappresenta solo parzialmente il nostro mondo, ad esempio per quanto riguarda l’accesso alla professione. Ma per proseguire nell’elenco delle cose da fare – e con rapidità, mi permetto di consigliare-  aggiungo il controllo e la verifica sulle scuole di giornalismo, la riforma dell’esame di Stato, l’applicazione della legge 150/2000 negli uffici stampa pubblici ma anche privati, il miglioramento delle regole di formazione, la tutela dall’ingerenza dei poteri forti e lo scioglimento di nodi come diffamazione e intercettazioni.

Punti compresi nel programma della lista “GIORNALISTI LIGURI PER LA RIFORMA – CONTRORDINE”, che punta anche al coordinamento fra i vari organismi della categoria e che si riconosce nella candidatura alla presidenza di Carlo VERNA, indicato dai presidenti degli ordini regionali che hanno sostenuto il processo di riforma.

L’Ordine dei Giornalisti ha la funzione fondamentale di sorvegliare il rispetto delle regole deontologiche (sempre più importanti in un mondo che deve fronteggiare tentativi di deregulation),  ma anche costruire il mercato del lavoro sul quale poi la Fnsi e le Associazioni regionali di Stampa devono operare ed è questo il motivo per cui il sindacato guarda con attenzione queste elezioni. Il passato ci ha abituato, sul piano nazionale, ad una forte conflittualità tra Ordine dei Giornalisti e Fnsi e questo ha indebolito tutti noi, dal primo all’ultimo; il futuro deve saperci dimostrare che Ordine e Fnsi sono capaci a parlare la stessa lingua. Solo così, ad esempio, la lotta contro il precariato che sta affossando la nostra categoria e le speranze di tanti giovani colleghi potrà essere efficace. Senza facile populismo, ma attraverso idee e programmi condivisi.

Per questo la squadra è importante e l’invito è a votare ovunque, compattamente, per le liste che si riconoscono nella candidatura di Carlo Verna e nel programma di riforma dell’Ordine.

 

*Coordinatore nazionale di ControCorrente

GDPR

Teniamo molto alla protezione dei vostri dati personali perchè crediamo in una comunicazione aperta, sicura e trasparente.

In occasione dell’entrata in vigore, a partire dal 25 maggio, del Regolamento Generale sulla Protezione dei dati (GDPR) nell’Unione Europea 2016/679, vi comunichiamo che utilizziamo i vostri dati personali (nome e indirizzo e-mail) esclusivamente per l’invio delle nostre notizie di attività sindacale.

Chi desiderasse essere cancellato/a dal, troverà in calce a ogni mail il bottone annulla iscrizione.

Informativa sui cookies

La piattaforma Wordpress utilizza i cookies. Questo blog, indipendentemente dalla volontà di chi lo aggiorna, rientra di conseguenza nella normativa in materia. Per ottemperare agli obblighi di legge sull'uso dei cookies, Wordpress consiglia di inserire nel blog un widget di testo - come questo - con un link alla Privacy Policy della piattaforma nella quale sono contenute le informazioni sui cookies utilizzati. Ad ogni modo, ricorda ancora Wordpress, è sempre possibile rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Proseguendo con la consultazione del blog si accetta l’utilizzo dei cookie.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: