Sindacati Regionali di Stampa

Il nuovo blog delle sindacaliste e dei sindacalisti delle Associazioni regionali di stampa della Fnsi

Fanno il nome di un magistrato in riferimento ad attività della moglie: condannati per diffamazione

Giornalisti condannati, peoccupazione di Assostampa Puglia

Giornalisti condannati, preoccupazione di Assostampa Puglia

Dei magistrati non si può parlare. E’ infondo questo il senso della sentenza con la quale il giudice del tribunale di Potenza ha condannato due giornalisti della Gazzetta del Mezzogiorno per aver diffamato un magistrato in servizio a Taranto, soltanto perché citato in due articoli riguardanti un concorso universitario che vedeva tra i concorrenti sua moglie.

Una sentenza che suscita sconcerto e perplessità nel sindacato dei giornalisti pugliesi. “Il giudice del tribunale di Potenza, Gerardina Romaniello, ha inteso così far passare – sottolinea l’Associazione della Stampa di Puglia – un principio che il sindacato dei giornalisti e tutti coloro i quali hanno a cuore la libertà di stampa non possono proprio accettare, ovvero che non si può parlare dei magistrati.

In base alle motivazioni della sentenza di condanna, infatti, i due colleghi avrebbero sbagliato a citare il magistrato in quanto la vicenda che riguardava sua moglie “non aveva interesse pubblico”.

Eppure – prosegue l’Assostampa – già il solo trasferimento dell’inchiesta ad un Tribunale diverso da quello di Taranto, dove esercitava ruolo il magistrato in questione e dove era avvenuto il concorso oggetto dell’indagine, dovrebbe far riflettere sull’interesse pubblico che tale vicenda riveste in virtù delle relazioni familiari ad essa sottese e sul diritto di cronaca esercitato dai colleghi a tutela della più completa informazione dei cittadini pugliesi su questioni che attengono la magistratura come qualsiasi altra istituzione dello Stato.

La difesa corporativa che, invece, emerge da tale sentenza – conclude l’Assostampa – non può passare sotto silenzio e, siamo sicuri, troverà spazio per chiarimenti nell’inevitabile processo d’appello, giacché nessuno – tanto meno i magistrati – possono o debbono sentirsi immuni dal diritto di cronaca e dal diritto di verifica di quanto fanno”.

GDPR

Teniamo molto alla protezione dei vostri dati personali perchè crediamo in una comunicazione aperta, sicura e trasparente.

In occasione dell’entrata in vigore, a partire dal 25 maggio, del Regolamento Generale sulla Protezione dei dati (GDPR) nell’Unione Europea 2016/679, vi comunichiamo che utilizziamo i vostri dati personali (nome e indirizzo e-mail) esclusivamente per l’invio delle nostre notizie di attività sindacale.

Chi desiderasse essere cancellato/a dal, troverà in calce a ogni mail il bottone annulla iscrizione.

Informativa sui cookies

La piattaforma Wordpress utilizza i cookies. Questo blog, indipendentemente dalla volontà di chi lo aggiorna, rientra di conseguenza nella normativa in materia. Per ottemperare agli obblighi di legge sull'uso dei cookies, Wordpress consiglia di inserire nel blog un widget di testo - come questo - con un link alla Privacy Policy della piattaforma nella quale sono contenute le informazioni sui cookies utilizzati. Ad ogni modo, ricorda ancora Wordpress, è sempre possibile rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Proseguendo con la consultazione del blog si accetta l’utilizzo dei cookie.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: