Sindacati Regionali di Stampa

Il nuovo blog delle sindacaliste e dei sindacalisti delle Associazioni regionali di stampa della Fnsi

Nuova proroga per il contratto giornalistico. Nella trattativa posizioni ancora distanti

Nuova proroga per il contratto

Nuova proroga per il contratto

C’è la volontà comune di andare avanti nella definizione del nuovo contratto giornalistico, ma le posizioni tra Federazione della stampa e Federazione editori restano ancora molto distanti. Intanto il contratto di lavoro giornalistico resterà in vigore fino alla sottoscrizione del nuovo accordo. Infatti alla vigilia della scadenza dell’attuale articolato contrattuale, prevista per domani, Fnsi e Fieg hanno prorogato le norme in vigore per la durata della trattativa, che proseguirà nelle prossime settimane. «Le posizioni sono distanti – spiega Raffaele Lorusso, segretario generale della Fnsi –. È però positivo che le parti siano decise a definire regole condivise e che ci sia la volontà comune di andare avanti. La Fnsi rimane convinta che al centro del confronto debba esserci l’occupazione e che il futuro del settore non possa essere il precariato diffuso e il lavoro senza diritti. Il tavolo fra governo e parti sociali, che porterà alla definizione di nuove regole per il comparto, a cominciare dalla riforma della legge 416/81, dovrà combinare la necessità di chiudere i processi di ristrutturazione ancora in atto con l’altrettanto ineludibile rilancio del settore, agevolando e stimolando gli investimenti e rilanciando l’occupazione. Il governo deve fare la sua parte partendo dal riconoscimento del ruolo strategico che l’informazione riveste in ogni sistema democratico, affrontando nodi strutturali, dalla ridefinizione delle norme sulle concentrazioni e sulle fusioni nel settore editoriale fino alla tutela del diritto d’autore e alla raccolta pubblicitaria, materie in cui la mancanza di regole agevola gli over the top, moltiplicandone fatturati e profitti, a scapito di tutto il sistema». Intanto l’aula della Camera ha concluso oggi la discussione generale sul ddl di riforma dell’editoria licenziato dalla commissione Cultura di Montecitorio senza modifiche rispetto al testo approvato dal Senato. Esistono a questo punto tutte le condizioni per poter finalmente arrivare, nelle sedute già fissate per il 4 e 5 ottobre prossimi, all’approvazione definitiva del provvedimento, condizione indispensabile per poter poi passare, con auspicabile rapidità, alla definizione dei successivi regolamenti. I due provvedimenti andranno a saldarsi con la riforma dell’Inpgi varata ieri dal consiglio di amministrazione.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 29 settembre 2016 da in Assostampa Regionali, Contratto, Fieg, Fnsi, Giornalisti, sindacato con tag , , , , , .

Informativa sui cookies

La piattaforma Wordpress utilizza i cookies. Questo blog, indipendentemente dalla volontà di chi lo aggiorna, rientra di conseguenza nella normativa in materia. Per ottemperare agli obblighi di legge sull'uso dei cookies, Wordpress consiglia di inserire nel blog un widget di testo - come questo - con un link alla Privacy Policy della piattaforma nella quale sono contenute le informazioni sui cookies utilizzati. Ad ogni modo, ricorda ancora Wordpress, è sempre possibile rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Proseguendo con la consultazione del blog si accetta l’utilizzo dei cookie.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: