Sindacati Regionali di Stampa

Il nuovo blog delle sindacaliste e dei sindacalisti delle Associazioni regionali di stampa della Fnsi

Solidarietà del Sigim a Elisabetta Rossi, accusata di aver violato il segreto istruttorio per trarre un vantaggio patrimoniale. Di nove euro

Giornalista indagata per violazione del segreto

Giornalista indagata per violazione del segreto

Un’inchiesta giudiziaria, un articolo pubblicato con tutti i crismi della cronaca e una perquisizione domiciliare con sequestro del telefono cellulare. Tra i reati contestati quello di aver istigato un pubblico ufficiale alla rivelazione di un segreto d’ufficio per conseguire un ingiusto vantaggio patrimoniale. Un vantaggio quantificabile in nove euro lordi, la somma con cui l’articolo è stato retribuito. La storia arriva dalle Marche: la collega Elisabetta Rossi, cronista di giudiziaria del Resto del Carlino, redazione di Pesaro, il 23 giugno ha scritto un articolo relativo a un’indagine. La vicenda, iniziata sette mesi fa, riguarda dei furti di nidi di falchetti che vengono venduti sui mercati clandestini. “Dopo la pubblicazione dell’articolo – si legge nel comunicato del Sindacato giornalisti delle Marche – è stata indagata per aver violato il divieto di pubblicazione di atti coperti da segreto, istigazione alla rivelazione di segreti d’ufficio in concorso con un pubblico ufficiale per un ingiusto vantaggio patrimoniale (da 9 euro lordi, appunto) e favoreggiamento reale nei confronti dei mercanti di falchetti. Per questo motivo è stata sottoposta alle 7 di mattina del 27 giugno a perquisizione domiciliare da parte di agenti del Corpo Forestale. A questo si è aggiunto il sequestro del suo cellulare. Che è tuttora vigente, malgrado il tribunale del Riesame abbia annullato il 23 luglio il decreto di sequestro del telefono perché fatto per “meri fini esplorativi”. Lo stesso collegio del Riesame ha parlato di reati “inconfigurabili” visto che la giornalista non ha riportato atti d’inchiesta e ha scritto di un’indagine cominciata a dicembre 2015 con sequestri e perquisizioni ad alcuni degli indagati, i quali dunque sono venuti a conoscenza dell’inchiesta a loro carico. Il cellulare però non è stato riconsegnato e dopo una settimana di possesso post sentenza, il pm Sante Bascucci del Tribunale di Pesaro ha firmato un nuovo decreto di sequestro e presentato ricorso in Cassazione contro l’annullamento deciso dal Riesame. Inoltre, è stato convocato per domani, sabato 30, in Procura, il capo servizio della redazione di Pesaro Luigi Luminati come persona informata sui fatti. Nel frattempo la giornalista Elisabetta Rossi è stata interrogata perché rivelasse la sua fonte. La collega si è avvalsa del segreto professionale che, essendo pubblicista, non le viene riconosciuto dagli inquirenti come facoltà a cui appellarsi. Le accuse che le vengono mosse prevedono dai 2 ai 5 anni di carcere”.

“Ma se l’accusa di istigazione vale per Elisabetta Rossi,  – conclude il documentio del Sigim a cui si unisce il Gruppo dei Cronisti Marchigiani –  allora è estendibile d’ufficio all’intera categoria mondiale dei giornalisti che ogni mattina chiedono ai vari interlocutori, sia in condizioni di pace, di guerra o di golpe, di sapere segreti e novità. Il Sigim e il Gruppo dei Cronisti Marchigiani nell’esprimere piena solidarietà alla collega Rossi intendono denunciare pubblicamente quanto accaduto e quanto sta accadendo ritenendo l’episodio gravissimo e irrispettoso dell’intera categoria”.

http://www.sigim.it

 

Informativa sui cookies

La piattaforma Wordpress utilizza i cookies. Questo blog, indipendentemente dalla volontà di chi lo aggiorna, rientra di conseguenza nella normativa in materia. Per ottemperare agli obblighi di legge sull'uso dei cookies, Wordpress consiglia di inserire nel blog un widget di testo - come questo - con un link alla Privacy Policy della piattaforma nella quale sono contenute le informazioni sui cookies utilizzati. Ad ogni modo, ricorda ancora Wordpress, è sempre possibile rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Proseguendo con la consultazione del blog si accetta l’utilizzo dei cookie.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: