Sindacati Regionali di Stampa

Il nuovo blog delle sindacaliste e dei sindacalisti delle Associazioni regionali di stampa della Fnsi

Vatileaks: presidio di solidarietà per Nuzzi e Fittipaldi. Manifestanti identificati dalla Polizia

Giulietti e Lorusso al presidio per il processo Vatileaks

Giulietti e Lorusso al presidio per il processo Vatileaks

Anche il Vaticano rispetti i principi in tema di libertà di stampa sanciti dalla Corte europea dei diritti dell’Uomo. Questa la richiesta dei giornalisti riuniti oggi, fuori dalle mura della Sante Sede, ad aspettare l’arrivo dei colleghi Gianluigi Nuzzi ed Emiliano Fittipaldi, sotto processo per i lavoro svolto sul caso “Vatileaks”. “Il diritto di cronaca non si  può processare – ha risposto il segretario generale della Fnsi, Raffaele Lorusso, ai cronisti che gli chiedevano il senso della partecipazione della Federazione della stampa al presidio a sostegno di Nuzzi e Fittipaldi –. Né si può pensare di intimidire i giornalisti che fanno il loro lavoro tenendo la schiena dritta con la minaccia del carcere, tanto in Italia quanto in qualunque Paese che ambisce a essere considerato democratico, ma anche solo civile”. “La questura di Roma ha negato l’autorizzazione a svolgere questa manifestazione – ha poi spiegato Lorusso – ma noi, pur rispettando le disposizioni di legge, abbiamo ritenuto di dover ribadire la nostra idea di questo processo: un processo ingiusto e sbagliato perché mette alla sbarra i giornalisti e il diritto di cronaca e questo non può accadere in nessuno Stato di diritto”. “Siamo contro i bavagli alla libertà di informare, lo siamo sempre stati e sempre e dovunque lo saremo. Ci appelliamo al Pontefice perché intervenga per porre fine a questo processo contro la libertà di stampa”, ha ribadito il presidente della Fnsi, Giuseppe Giulietti, rilanciando la richiesta avanzata dalla portavoce di Articolo21, Elisa Marincola. Al presidio, oltre a Fnsi, Usigrai e Articolo21, erano presenti anche rappresentanti dell’Ordine dei giornalisti di Roma e del mondo dell’associazionismo, con i giornalisti del comitato “No Bavaglio”, del gruppo “Pressing” e di Moveon. Alcuni manifestanti che avevano aderito stamattina al sit-in promosso da Articolo 21 in Vaticano in solidarietà ai giornalisti Nuzzi e Fittipaldi nel giorno della ripresa del processo Vatilieaks sono stati identificati da agenti della Polizia di Stato, in servizio per l’udienza del Papa. Lo rende noto un comunicato della Questura. Sull’episodio, documentato dalla Polizia Scientifica, sarà inviata un’informativa all’autorità giudiziaria. Pronta la risposta del segretario e del presidente della Fnsi: “La Questura di Roma, contraddicendo se stessa, ha annunciato stamane di non aver mai negato l’autorizzazione alla iniziativa di solidarietà con i giornalisti Gianluigi Nuzzi e Emiliano Fittipaldi. Qualche ora dopo la medesima Questura ha comunicato di aver identificato alcuni giornalisti, dirigenti di Articolo 21 e dell’Ordine del Lazio, per aver partecipato ad una manifestazione ‘non autorizzata’. Ad di là delle versioni contraddittorie e contrastanti, resta il fatto che non si è svolta alcuna manifestazione, ma una testimonianza di solidarietà civile e composta nei confronti di due colleghi imputati nel processo Vatileaks. Se la Questura o chiunque altro vuole comunque individuare dei mandanti può rivolgersi serenamente alla Fnsi: saremo lieti di comunicare loro le nostre generalità e di fornire tutti i chiarimenti necessari. Contestualmente chiederemo un incontro al ministro dell’Interno per chiedere a lui come è possibile che accadano simili episodi”.

fonti: http://www.fnsi.it e Agi

Informativa sui cookies

La piattaforma Wordpress utilizza i cookies. Questo blog, indipendentemente dalla volontà di chi lo aggiorna, rientra di conseguenza nella normativa in materia. Per ottemperare agli obblighi di legge sull'uso dei cookies, Wordpress consiglia di inserire nel blog un widget di testo - come questo - con un link alla Privacy Policy della piattaforma nella quale sono contenute le informazioni sui cookies utilizzati. Ad ogni modo, ricorda ancora Wordpress, è sempre possibile rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Proseguendo con la consultazione del blog si accetta l’utilizzo dei cookie.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: