Sindacati Regionali di Stampa

Il nuovo blog delle sindacaliste e dei sindacalisti delle Associazioni regionali di stampa della Fnsi

Gruppo Caltagirone: solidarietà della Fnsi a giornalisti e poligrafici in sciopero

Scioperano i giornalisti del gruppo Caltagirone

Scioperano i giornalisti del gruppo Caltagirone

Continua lo sciopero dei poligrafici del gruppo Caltagirone contro il piano di ristrutturazione aziendale che prevede l’esternalizzazione di alcuni segmenti dell’attività produttiva e la modifica dei contratti di lavoro. E domani, come annunciato, si asterranno dal lavoro anche i giornalisti. “Pieno sostegno e convinta solidarietà ai giornalisti di Messaggero di Roma, Mattino di Napoli e Gazzettino di Venezia, che hanno deciso di scioperare domani, 31 marzo, contro il gruppo Caltagirone” affermano, in una nota, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, segretario generale e presidente della Fnsi. “La decisione dell’editore di trasferire ad altre società pezzi della filiera produttiva editoriale, smantellando qualifiche, mansioni e contratto nazionale di lavoro dei poligrafici – dicono – non può passare sotto silenzio. Con lo sciopero di domani i giornalisti dei tre quotidiani del gruppo Caltagirone non intendono soltanto schierarsi al fianco dei poligrafici, ma vogliono anche richiamare l’attenzione di tutti sulla necessità di salvaguardare e difendere l’informazione di qualità. Un’esigenza che non può passare attraverso la cancellazione di diritti fondamentali e tutele collettive in nome di non meglio precisate politiche aziendali volte al contenimento dei costi. Il settore editoriale è ancora duramente provato da una crisi di natura strutturale. Pensare di poterne uscire da soli significa soltanto imboccare scorciatoie che porteranno inevitabilmente in un vicolo cieco. Le innegabili criticità di questa fase di profondi cambiamenti devono invece essere affrontate con una visione complessiva di sistema, che sappia coniugare efficienza e investimenti, senza la pretesa di mortificare il confronto con le parti sociali”. Anche le anche le associazioni regionali di stampa di Lazio, Campania, Veneto e Friuli Venezia Giulia considerano “inaccettabile il comportamento del gruppo Caltagirone che, ignorando completamente le regole del confronto sindacale, ha trasferito a società terze pezzi della filiera produttiva editoriale, cambiando unilateralmente il contratto di lavoro”. “Dalla crisi si può uscire solo trovando soluzioni condivise e il coraggio di investire, senza limitarsi solo a espedienti ragionieristici di contenimento dei costi. La crisi è strutturale e sono necessarie risposte di sistema. I sindacati sono pronti ad accettare la sfida, ma sempre nel rispetto delle regole”.

Informativa sui cookies

La piattaforma Wordpress utilizza i cookies. Questo blog, indipendentemente dalla volontà di chi lo aggiorna, rientra di conseguenza nella normativa in materia. Per ottemperare agli obblighi di legge sull'uso dei cookies, Wordpress consiglia di inserire nel blog un widget di testo - come questo - con un link alla Privacy Policy della piattaforma nella quale sono contenute le informazioni sui cookies utilizzati. Ad ogni modo, ricorda ancora Wordpress, è sempre possibile rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Proseguendo con la consultazione del blog si accetta l’utilizzo dei cookie.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: