Sindacati Regionali di Stampa

Il nuovo blog delle sindacaliste e dei sindacalisti delle Associazioni regionali di stampa della Fnsi

Paternoster: “Il nuovo cda Inpgi dovrà proseguire nella riforma e agevolare le assunzioni”

Serafino Paternoster

Serarfino Paternoster

di Serafino Paternoster*

Il Consiglio Generale dell’Inpgi ha eletto ieri il nuovo Consiglio di amministrazione. La lista “L’Inpgi siamo noi” – che fa riferimento all’attuale maggioranza Fnsi – ha eletto 8 consiglieri d’amministrazione su 10: sono Marina Macelloni, Giuseppe Gulletta, Massimo Zennaro, Giuseppe Marzano, Paolo Serventi Longhi, Claudio Scarinzi, Edmondo Rho e Maria Pia Farinella, che vanno ad aggiungersi al consigliere eletto dal Comitato amministratore, Ezio Ercole, e al componente di diritto, Raffaele Lorusso (Fnsi). Per la lista “Inpgi futuro” sono stati eletti, invece, Carlo Chianura e Mario Antolini.
Sono certo che questo consiglio di amministrazione saprà affrontare con esperienza, rigore, condivisione e trasparenza le difficili sfide che l’istituto di previdenza dei giornalisti italiani dovrà affrontare già a partire dalla prossima settimana. Al cda e al presidente uscente, Andrea Camporese, va il mio ringraziamento per aver avviato un difficile lavoro in grado di mettere l’Istituto in sicurezza in un momento molto complicato per la categoria dovuto alla pesante crisi economica e al vertiginoso aumento di assegni di disoccupazione e di prepensionati che rischiavano di far saltare i conti e, di conseguenza, la solidità dell’Inpgi. Questo non è successo grazie al fatto di aver avviato una riforma dell’istituto condivisa in larghissima parte anche dal ministero vigilante. Ora questo nuovo consiglio di amministrazione dovrà proseguire e completare la riforma avviata non solo attraverso una gestione ancora più rigorosa dei conti e del patrimonio immobiliare, ma anche rafforzando, in sintonia con la Fnsi e in vista del prossimo rinnovo contrattuale, le agevolazioni per le assunzioni di nuovi giornalisti, la più importante via di uscita dalla fase congiunturale che stiamo attraversando. È evidente che questo non basta. Occorrerà rivedere l’intera macchina gestionale per assicurare maggiore efficienza, per dare risposte più rapide alle domande sempre più complesse dei colleghi, continuare l’attività di formazione in tutta Italia. Sono certo che l’intero cda, a partire dalla maggioranza di cui ho l’onore di far parte, saprà proseguire il lavoro avviato dando maggiori certezze a chi si avvicina alla pensione, ma anche e soprattutto più fiducia ai tantissimi giovani che si avvicinano alla professione con la consapevolezza che un intero mondo è cambiato. Al cda, che già nei primi giorni di aprile dovrà eleggere il nuovo presidente, vanno gli auguri più sinceri di buon lavoro.

*Consigliere generale Inpgi per la Basilicata

Informativa sui cookies

La piattaforma Wordpress utilizza i cookies. Questo blog, indipendentemente dalla volontà di chi lo aggiorna, rientra di conseguenza nella normativa in materia. Per ottemperare agli obblighi di legge sull'uso dei cookies, Wordpress consiglia di inserire nel blog un widget di testo - come questo - con un link alla Privacy Policy della piattaforma nella quale sono contenute le informazioni sui cookies utilizzati. Ad ogni modo, ricorda ancora Wordpress, è sempre possibile rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Proseguendo con la consultazione del blog si accetta l’utilizzo dei cookie.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: