Sindacati Regionali di Stampa

Il nuovo blog delle sindacaliste e dei sindacalisti delle Associazioni regionali di stampa della Fnsi

Licenziamento di Alba Solaro, Alg e Fnsi: “Pericolosissimo utilizzare nei giornali la legge Fornero”

Alba Solaro

Alba Solaro

Non sono bastati gli scioperi e neppure la protesta di questa mattina durante la procedura di conciliazione. Nonostante la mobilitazione di sindacato e colleghi la Hearst non torna indietro sul licenziamento di Alba Solaro, caporedattrice di Marie Claire. Durissimo il comunicato dell’Associazione lombarda dei giornalisti, che sottolinea l’utilizzo, pericolosissimo, che l’azienda fa, anche nel settore giornalistico, della legge Fornero. “Contestiamo il licenziamento della giornalista Alba Solaro – si legge nel documento – Contestiamo le motivazioni addotte dall’azienda e ne denunciamo le modalità, irrispettose del Contratto nazionale di lavoro. Non accettiamo l’utilizzo strumentale della Legge Fornero, laddove erano possibili altre soluzioni, condivise col sindacato. E per questo ci attiveremo per mobilitare la categoria. Oggi si è consumato un altro atto della vicenda gruppo Hearst- Alba Solaro. In Dtl, a Milano, l’azienda ha confermato la sua intenzione di licenziare Alba, malgrado le giornate di scioperi e le inziative messe in atto da cdr di Hearst Marie Claire (Hmc), cdr di Hearst magazine italia (Hmi), Fnsi e Alg. Davanti alla Dtl, un folto gruppo di giornalisti e di sindacalisti ha manifestato contro la decisione aziendale. Da oggi dunque, Hearst può procedere al licenziamento di Alba Solaro: l’azienda infatti, durante gli incontri sindacali che hanno preceduto l’appuntamento in Dtl, ha mostrato una totale chiusura sia nei confronti di una gestione dell’”esubero” attraverso un ammortizzatore sociale a rotazione, che perfino attraverso una ricontrattazione con la collega della sua posizione contrattuale ed economica. E’ evidente che il licenziamento di Alba Solaro segna una svolta senza ritorno nelle relazioni sindacali con il gruppo Hearst, in primis per la decisione di licenziare una giornalista attraverso la legge Fornero. In secondo luogo per le modalità con cui ha messo in atto questa intenzione: inviando una lettera di avvio della procedura alla collega il 29 dicembre, senza avere avvisato il Cdr (come previsto dal Contratto), nemmeno in merito al cambiamento nell’organizzazione del lavoro, che a detta dell’azienda, doveva comportare la soppressione della figura del caporedattore centrale. Né, ci preme sottolinearlo, alcun avviso alla collega o al Cdr era stato dato dal direttore di Marie Claire, competente, per contratto a decidere delle scelte che riguardano la redazione. La Federazione Nazionale della Stampa e l’Associazione Lombarda dei Giornalisti manifestano con forza l’assoluta contrarietà al licenziamento e a questo modo di procedere adottato da un editore che prima di questo momento aveva sempre cercato e ottenuto il dialogo con le rappresentanze sindacali. Una modalità inspiegabile, poco rispettosa delle relazioni sindacali e umane e assolutamente non giustificata dai motivi economici e organizzativi addotti dall’azienda. Ma soprattutto, con questo licenziamento, si procede all’utilizzo di una legge, la cosiddetta “Fornero”, che è pericolosissima da usare nelle redazioni. Licenziare un giornalista, poterlo fare adducendo motivi economici e organizzativi che in realtà possono sottendere qualsiasi altra motivazione, è un pericolo enorme per la libera stampa e la democrazia di questo Paese. Non è un caso che la legge Fornero sia stata finora usata di più in altre categorie e quasi mai in quella dei giornalisti: il caporedattore mette un argine al dilagare della commistione notizie-pubblicità? Il redattore ha scritto qualcosa di sgradito a un politico o a una banca? L’inviato scopre qualcosa che dà fastidio agli amici del’azienda o anche di un direttore compiacente? Basta “sopprimere” quella posizione “riorganizzando” la redazione e invocare un motivo economico oggi assai facile da sventolare e lo si può licenziare. Turchia, Polonia, sono casi più eclatanti manovre contro la libertà di stampa. Ma non ci sono solo questi casi limite. E’ un attacco alla libera informazione anche l’uso, nei confronti di una categoria delicata e fondamentale per la democrazia come quella dei giornalisti, di leggi che con la bandiera del mercato e della sostenibilità economica di fatto sottopongono tutti i colleghi a un ricatto latente. Gli editori non possono ignorarlo. Con scelte di questo tipo si assumono la responsabilità, scardinando il sistema delle relazioni sindacali finora seguito, di incidere sul diritto costituzionalmente garantito, del cittadino alla libera informazione”. Sulla stessa linea la Fnsi: “Al di là delle ingiustificate motivazioni che riguardano il licenziamento di Alba Solaro – si legge in una nota – e delle modalità brutali e inspiegabili con cui è stato attuato, la Fnsi – come ha già spiegato alla Hearst durante il confronto sindacale – ritiene pericoloso il ricorso alla Legge Fornero per licenziare i giornalisti. Utilizzare anche per la nostra categoria l’arma di una legge che consente di fatto un ricatto latente per qualunque collega, con la motivazione pretestuosa del motivo economico o della soppressione della funzione, mette a repentaglio la libertà di stampa, base della vita democratica di questo Paese. Finora nelle grandi case editrici questa legge non è stata mai utilizzata. Il fatto che si cominci è un pessimo segnale, che dovrebbe mettere in allarme tutti: i giornalisti, ma anche i cittadini, le istituzioni e la classe politica. La Federazione nazionale della stampa lo ribadisce con forza e auspica su questo tema anche la mobilitazione dei Cdr e della categoria”.

Informativa sui cookies

La piattaforma Wordpress utilizza i cookies. Questo blog, indipendentemente dalla volontà di chi lo aggiorna, rientra di conseguenza nella normativa in materia. Per ottemperare agli obblighi di legge sull'uso dei cookies, Wordpress consiglia di inserire nel blog un widget di testo - come questo - con un link alla Privacy Policy della piattaforma nella quale sono contenute le informazioni sui cookies utilizzati. Ad ogni modo, ricorda ancora Wordpress, è sempre possibile rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Proseguendo con la consultazione del blog si accetta l’utilizzo dei cookie.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: