Sindacati Regionali di Stampa

Il nuovo blog delle sindacaliste e dei sindacalisti delle Associazioni regionali di stampa della Fnsi

La manovra Inpgi è debole? No è equa, i Ministeri ne tengano conto

Chiarezza sulla manovra Inpgi

Chiarezza sulla manovra Inpgi

Ci sarebbe poco, davvero poco, da gioire se la manovra Inpgi dovesse essere bocciata. Ci sarebbe poco da gioire perché sulla categoria potrebbe cadere proprio quella mannaia che, con il provvedimento preso, gli amministratori hanno cercato di evitare. La mannaia del pensionamento ancorato alla speranza di vita, e non più a 66 anni di età così come fissato dalla riforma, e con pensioni progressivamente impoverite da un indice di rivalutazione più basso. Sempre più vicini all’Inps. Naturalmente se si è giovani (o quasi). Perciò, in un momento in cui il fenomeno dell’espulsione dal lavoro si fa sempre più pressante, fino a raggiungere punte drammatiche, l’età della pensione si allontanerebbe sempre di più. Fino ad arrivare anche ai 70 anni. Con buona pace di chi, questa professione, vorrebbe pure cominciare a farla sul serio, portando forza fresca e idee nuove. L’Inpgi ha dunque reso concreto, con la sua manovra, un progetto di equità, tentando, anche attraverso le clausole di salvaguardia, di mantenere il più possibile in sicurezza non solo il destino dell’istituto, ma anche quello dei colleghi, pur nella consapevolezza che molti si sarebbero trovati comunque nel guado del niente lavoro – pensione lontana.  Proprio a questo equilibrio nel segno dell’equità dovrebbero guardare i Ministeri vigilanti prima di “liberare” un parere definitivo. Tutti elementi, questi, approfonditi in un interessante articolo di Giornalistitalia “Il Sole non risplende sulla riforma Inpgi” che disegna un quadro corretto e “ripulito” da incrostazioni e polemiche preelettorali non solo del presente, ma anche di quello che potrebbe attenderci se la manovra non venisse approvata. Ecco il link al testo: http://www.giornalistitalia.it/il-sole-non-risplende-sulla-riforma-inpgi/ . Prendetevi qualche minuto di tempo per chiarirvi le idee e capire che il “tanto peggio, tanto meglio” stavolta non può davvero funzionare.

Informativa sui cookies

La piattaforma Wordpress utilizza i cookies. Questo blog, indipendentemente dalla volontà di chi lo aggiorna, rientra di conseguenza nella normativa in materia. Per ottemperare agli obblighi di legge sull'uso dei cookies, Wordpress consiglia di inserire nel blog un widget di testo - come questo - con un link alla Privacy Policy della piattaforma nella quale sono contenute le informazioni sui cookies utilizzati. Ad ogni modo, ricorda ancora Wordpress, è sempre possibile rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Proseguendo con la consultazione del blog si accetta l’utilizzo dei cookie.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: