Sindacati Regionali di Stampa

Il nuovo blog delle sindacaliste e dei sindacalisti delle Associazioni regionali di stampa della Fnsi

Lorusso: “Le sanzioni per chi pubblica una notizia coperta da segreto sono una censura preventiva”

Raffaele Lorusso

Raffaele Lorusso

“A nessun giornale e a nessun giornalista potrà mai essere impedito di pubblicare una notizia che abbia rilevanza per l’opinione pubblica, anche se coperta da segreto. Si tratta di un principio basilare di tutte le democrazie, peraltro più volte ribadito dalla Corte europea dei diritti dell’Uomo”. Raffaele Lorusso, segretario generale della Fnsi, con un documento, punta dritto al cuore della riforma della normativa sulle intercettazioni, attualmente all’esame della Camera. Una riforma che nasconde “un pericolo per il diritto di cronaca”. “Nel mondo politico, in modo assolutamente trasversale, con parlamentari che si muovono alla luce del sole e altri che agiscono nell’ombra – osserva Lorusso – grande è la voglia di imbavagliare i giornalisti. La tutela della privacy e il diritto alla riservatezza delle persone estranee alle indagini penali non hanno niente a che vedere con iniziative che puntano chiaramente a regolare i conti con la categoria, a intimidire anche gli editori e, soprattutto, a tutelare esponenti del mondo politico coinvolti a vario titolo in procedimenti giudiziari. Questi ultimi, infatti, non si rassegnano ad accettare un dato di fatto ovvio e inconfutabile, ossia che in democrazia il prezzo della notorietà che discende dal ricoprire una carica pubblica comprende anche una tutela della privacy attenuata rispetto a quella dei cittadini comuni. Se l’emendamento dei deputati Ermini e Verini ha migliorato il testo all’esame della Camera, resta comunque inaccettabile il tentativo di introdurre sanzioni pecuniarie per chi pubblica notizie coperte da segreto perché in questo modo si introduce una forma di censura preventiva. A nessun giornale e a nessun giornalista potrà mai essere impedito di pubblicare una notizia che abbia rilevanza per l’opinione pubblica, anche se coperta da segreto. Si tratta di un principio basilare di tutte le democrazie, peraltro più volte ribadito dalla Corte europea dei diritti dell’Uomo. Il diritto di cronaca è insopprimibile perché esiste il diritto di tutti i cittadini ad essere correttamente informati. Soltanto la libera circolazione dei fatti e delle idee, che non significa né libero arbitrio né tolleranza per abusi e forzature, consente infatti ai cittadini di conoscere e di esercitare la sovranità popolare loro assegnata dalla Costituzione. Chi pensa di introdurre bavagli o sogna nuove forme di censura, farebbe bene a prenderne atto. A meno che non voglia coprirsi di ridicolo: davvero si pensa che, in un mondo globalizzato, si possa impedire la pubblicazione di una notizia con l’introduzione di un divieto? Chi potrà mai perseguire e sanzionare un sito web registrato all’estero che dovesse pubblicare una notizia ‘vietata’ in Italia?”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informativa sui cookies

La piattaforma Wordpress utilizza i cookies. Questo blog, indipendentemente dalla volontà di chi lo aggiorna, rientra di conseguenza nella normativa in materia. Per ottemperare agli obblighi di legge sull'uso dei cookies, Wordpress consiglia di inserire nel blog un widget di testo - come questo - con un link alla Privacy Policy della piattaforma nella quale sono contenute le informazioni sui cookies utilizzati. Ad ogni modo, ricorda ancora Wordpress, è sempre possibile rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Proseguendo con la consultazione del blog si accetta l’utilizzo dei cookie.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: