Sindacati Regionali di Stampa

Il nuovo blog delle sindacaliste e dei sindacalisti delle Associazioni regionali di stampa della Fnsi

Lorusso all’assemblea di Fiuggi: “La stagione delle riforme non è più rinviabile”

Raffaele Lorusso

Raffaele Lorusso

“In questa fase la nostra categoria deve produrre uno sforzo riformatore. La nostra capacità di autoriformarci, mettendoci definitivamente alle spalle un mondo che non c’è più, la misureremo presto: sull’Inpgi, sul contratto e più in generale nell’approccio alla professione. Le diseguaglianze sono la dimensione del tempo che viviamo: il nostro compito è rendere tutti gli attori del sistema non dico uguali, ma un po’ meno diseguali. I ricchi lo siano un po’ meno e i poveri lo siano un po’ meno: su questo si misurerà la nostra capacità di innovarci”. Raffaele Lorusso, segretario generale della Federazione nazionale della stampa è intervenuto oggi all’assemblea di Fiuggi, chiudendo l’appuntamento che i giornalisti si sono dati per tornare protagonisti del cambiamento in un momento estremamente delicato e complesso della professione. Governare il cambiamento è l’obiettivo primario, un obiettivo che può essere raggiunto solo mettendo insieme le capacità di tutti e la volontà comune di rimettersi in gioco. Il segretario si è soffermato sull’imminente riforma dell’Inpgi. “Le parole d’ordine devono essere equità, solidarietà e sostenibilità”. “La manovra – ha spiegato – deve rimettere in sesto i conti dell’Istituto di previdenza. Abbiamo il diritto di dare una prospettiva pensionistica ai colleghi giovani e a quanti sono ancora fuori dalla professione. Chi pensa di difendere il proprio orticello è qualcosa di diverso da noi. In questi mesi si confronteranno due visioni diverse del sistema. Quella di chi vuole occuparsi della professione e quella di chi difende la corporazione. Il confronto non sarà fra riformatori e conservatori – perché il conservatorismo ha sua dignità politica – ma fra riformismo e reazionarismo codino. Dobbiamo riprendere a parlare con i nostri colleghi, dire loro la verità. Negli anni passati abbiamo peccato di eccessivo fair play, lasciando che a prendere il sopravvento fossero i venditori di illusioni: è arrivato il momento di ribattere colpo su colpo. Non possiamo dare l’impressione che chi alza la voce sia dalla parte della ragione”. Questo approccio, secondo Lorusso, deve guidare l’azione del sindacato a 360 gradi. A cominciare dal contratto. “Speriamo – ha detto – che si apra prima possibile la stagione contrattuale, che deve essere la stagione dell’innovazione. Non abbiamo scelta: fare operazioni di nostalgia, significa fare la fine di altre categorie che avevano altro peso e altra importanza in questo Paese. La struttura del nostro contratto è ritagliata sul giornale di carta così com’era organizzato negli anni ’80. Dobbiamo renderci conto di che cosa è oggi la professione e ragionare come questa professione si traduce in nuovi diritti, garanzie contrattuali, tutele e organizzazione del lavoro. Se non decliniamo noi le novità all’interno della professione, disegnando un nuovo apparato di regole, ci troveremo a fare cose diverse perché dovremo subirle senza alcuna forma di regolamentazione. Dobbiamo prendere atto della realtà e fissare l’obiettivo principale della stagione contrattuale. Mi piacerebbe chiedere aumenti rilevanti in busta paga e poi integrativi nelle singole aziende. Ammesso che fosse possibile, l’operazione avrebbe cortissimo respiro dal punto di vista dell’incidenza sugli istituti di categoria. Se non rimettiamo in moto il mercato del lavoro e la dinamica occupazionale qualsiasi operazione risulterà vana. Ripartiamo dai colleghi che non hanno tutele. Se non ripartiamo da loro siamo finiti noi. Per ripartire da loro dobbiamo anche mettere in discussione alcuni istituti contrattuali. Certo, non dipende solo da noi, ma anche dalla controparte, dalla sua capacità di innovare e rinnovare”.  Il segretario generale ha parlato anche del tavolo con il governo. “Intanto – ha avvertito – vanno sbloccati al più presto gli sgravi per l’occupazione e i finanziamenti del fondo dell’editoria. Bisogna però parlare anche di riequilibrio del mercato pubblicitario, mettere mano alle leggi di sistema, come la 416 del 1981. Dovremo parlare di una nuova organizzazione professionale. Poi, però, tocca a noi. Abbiamo diritti e doveri. È singolare il silenzio di chi pontifica su tutto su questioni come etica, deontologia, libertà di stampa, dignità e decoro della professione. Questa operazione può farla soltanto un gruppo dirigente che abbia nelle riforme la propria stella polare. Non dobbiamo diventare dei panda, abbiamo funzione sociale rilevantissima, la sovranità popolare ha bisogno di un’informazione libera e autorevole per manifestarsi appieno. Qualità dell’informazione, capacità di leggere e spiegare i fenomeni. Il percorso è cominciato a Chianciano. Non diciamo né di avere in tasca ricetta della felicità né che ce la faremo. Però, vogliamo provarci. Il gruppo dirigente della Fnsi ha molta voglia di lavorare e lavora bene. Il confronto e l’ascolto hanno consentito di superare anche diffidenze reciproche del passato”. Infine, un’esortazione ai protagonisti dell’assemblea di Fiuggi. “Mi auguro che questo approccio guidi anche la fase che i colleghi e le colleghe riunite qui a Fiuggi puntano ad aprire. L’importante è che ci si metta al lavoro. È normale che all’inizio ci siano anche diffidenze reciproche. Voglio però ricordare una frase di papa Giovanni XXIII: ‘Quando incontri qualcuno, non chiedergli da dove viene, chiedigli dove vuole andare’. E allora, colleghi, andiamo”, ha concluso Lorusso.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informativa sui cookies

La piattaforma Wordpress utilizza i cookies. Questo blog, indipendentemente dalla volontà di chi lo aggiorna, rientra di conseguenza nella normativa in materia. Per ottemperare agli obblighi di legge sull'uso dei cookies, Wordpress consiglia di inserire nel blog un widget di testo - come questo - con un link alla Privacy Policy della piattaforma nella quale sono contenute le informazioni sui cookies utilizzati. Ad ogni modo, ricorda ancora Wordpress, è sempre possibile rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Proseguendo con la consultazione del blog si accetta l’utilizzo dei cookie.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: