Sindacati Regionali di Stampa

Il nuovo blog delle sindacaliste e dei sindacalisti delle Associazioni regionali di stampa della Fnsi

Il Capss: “Sul caso Sopaf tesi capziosa”

Alessandra Costante

Alessandra Costante

“Le interpretazioni che alcuni ambienti giornalistici hanno voluto dare della relazione dell’avvocato dell’Inpgi Andrea Marani sulla vicenda Sopaf sono strumentali e fuorvianti e probabilmente orientate a fomentare una campagna politica contro l’Istituto e il suo Presidente”. Il Capss, attraverso un documento della portavoce Alessandra Costante, interviene a sostegno dell’impegno e della correttezza con cui ila struttura dell’Istituto previdenziale dei giornalisti ha operato nel corso del caso Sopaf: “Come si evince dalla nota diffusa oggi dall’Inpgi, è falso sostenere o far sospettare che la somma per l’acquisto delle quote del fondo Fip siano state girate dalla banca dell’Inpgi direttamente alla Sopaf per consentire a questa società di acquistare le stesse quote di cui non era al momento ancora in possesso. Si è trattato invece di un mero errore materiale, corretto il giorno dopo dalla stessa Sopaf che ha provveduto a girare l’intera somma sul conto “intermedio vincolato” così come previsto dal contratto di Escrow agreement, la formula standard delle compravendite di titoli che prevede la presenza di un terzo intermediario bancario. Dalla ricostruzione dei fatti, – rileva Costante – risulta chiaro come fosse ignota agli uffici dell’Inpgi la circostanza che, al momento della sottoscrizione, la Sopaf non fosse proprietaria delle quote. In ogni caso, l’avvocato Marani ha precisato che la stessa Sopaf non era tenuta a comunicare all’Inpgi l’effettiva proprietà delle quote Fip e la questione appare quindi del tutto irrilevante. Del resto le quote furono regolarmente cedute all’Inpgi e il corrispettivo pagato alla Sopaf nei termini previsti. Su tutta questa vicenda, come sull’intero procedimento a carico dei fratelli Magnoni nella parte che ha coinvolto l’Istituto di Previdenza dei Giornalisti, sono state diffuse informazioni e documenti riservati, sono state fatte illazioni e rivolte accuse, sono state diffuse ricostruzioni inesatte o addirittura false. Con la conseguenza di mettere in discussione la dignità dell’Istituto e dei suoi dirigenti e la stessa possibilità concreta di ottenere per via giudiziale il risarcimento di eventuali danni subiti. Tutto ciò mentre il Presidente, il Consiglio di Amministrazione e tutto il personale dell’Inpgi sono impegnati, in condizioni rese difficili dalla crisi drammatica dell’occupazione nel mondo dell’informazione, a garantire l’autonomia e l’efficienza del sistema di tutele previdenziali dei giornalisti creando le condizioni per difendere le prestazioni”.

Un commento su “Il Capss: “Sul caso Sopaf tesi capziosa”

  1. Pingback: Il cda Inpgi: “Una nota stonata il commento dell’Ordine sul caso Sopaf” | Sindacati Regionali di Stampa

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 24 marzo 2015 da in Adepp, Assostampa Regionali, Fnsi, Giornalisti, Inpgi con tag , , , , , , .

Informativa sui cookies

La piattaforma Wordpress utilizza i cookies. Questo blog, indipendentemente dalla volontà di chi lo aggiorna, rientra di conseguenza nella normativa in materia. Per ottemperare agli obblighi di legge sull'uso dei cookies, Wordpress consiglia di inserire nel blog un widget di testo - come questo - con un link alla Privacy Policy della piattaforma nella quale sono contenute le informazioni sui cookies utilizzati. Ad ogni modo, ricorda ancora Wordpress, è sempre possibile rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Proseguendo con la consultazione del blog si accetta l’utilizzo dei cookie.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: