Sindacati Regionali di Stampa

Il nuovo blog delle sindacaliste e dei sindacalisti delle Associazioni regionali di stampa della Fnsi

“Con gli incentivi duecento posti di lavoro”

Il presidente Inpgi Andrea Camporese

Il presidente Inpgi Andrea Camporese

Prudente ottimismo sulla possibilità di superare la crisi del settore giornalistico. “Gli incentivi messi in campo con il fondo per l’editoria della presidenza del consiglio stanno producendo effetti”, poiché “tra la fine dell’anno scorso e l’inizio di quest’anno sono stati oltre 200 i nuovi contratti di lavoro, quasi tutti a tempo indeterminato”. Parola di Andrea Camporese, presidente dell’Inpgi, Istituto nazionale di previdenza ed assistenza della professione giornalistica, che festeggia i 100 anni, e dell’Adepp, l’associazione che raggruppa le casse pensionistiche private. In un’intervista pubblicata sull’ultimo numero della newsletter Adepp, si dichiara, appunto, ottimista con cautela: ”La speranza – dice – è che l’unione tra un ciclo economico che ricomincia a crescere seppur non in modo enorme, gli sgravi contributivi messi in campo e la possibilità da parte delle aziende di riprendere un ragionamento su un prodotto incentrato sull’innovazione, porti ad una stimolazione del mercato. Io sono cautamente positivo. Certamente però non credo che torneremo ad avere il lavoro dipendente come elemento sostanziale e modello unico del lavoro giornalistico”. Se, spiega ancora il presidente, già negli anni ’20 l’ente “rappresentava il fiore all’occhiello in termini di sistema e di attenzione sociale omnicomprensivo ed autofinanziato, oggi l’Inpgi ha una protezione che si sviluppa a 360 gradi con gli ammortizzatori sociali classici, cassa integrazione, disoccupazione, copertura infortuni professionali ed extra professionali, la malattia ovviamente”, nonché “una serie di altre funzioni che sostanzialmente sommano quelle di Inps ed Inail”. Proiettando poi, lo sguardo al mercato globale, Camporese afferma che “l’Europa va verso gli studi professionali, ne finanzia l’apertura, la fusione, l’ampliamento” (e nei bandi delle Regioni, che gestiscono fondi comunitari sono sempre più presenti iniziative in favore delle categorie professionali, oltre che degli imprenditori, ndr), pertanto ritiene che anche i giornalisti italiani “dovrebbero ragionare sul fatto che l’unità fa la forza, che uno studio professionale può avere più capacità di stare sul mercato, di competere, di rafforzarsi”, sebbene, conclude, si tratta proprio della categoria “che ha percorso meno il tema degli studi professionali”.  E proprio alle trasformazioni in corso nel settore editoriale sia l’istituto previdenziale che il sindacato stanno guardando con molta attenzione.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informativa sui cookies

La piattaforma Wordpress utilizza i cookies. Questo blog, indipendentemente dalla volontà di chi lo aggiorna, rientra di conseguenza nella normativa in materia. Per ottemperare agli obblighi di legge sull'uso dei cookies, Wordpress consiglia di inserire nel blog un widget di testo - come questo - con un link alla Privacy Policy della piattaforma nella quale sono contenute le informazioni sui cookies utilizzati. Ad ogni modo, ricorda ancora Wordpress, è sempre possibile rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Proseguendo con la consultazione del blog si accetta l’utilizzo dei cookie.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: