Sindacati Regionali di Stampa

Il nuovo blog delle sindacaliste e dei sindacalisti delle Associazioni regionali di stampa della Fnsi

Tabasso: “Un albo anche per gli editori”

Il presidente di Assostampa sarda Celestino Tabasso

Il presidente di Assostampa sarda Celestino Tabasso

“Da tempo diciamo anche noi come Assostampa Sarda che serve un albo per gli editori – afferma Celestino Tabasso, presidente dell’Associazione della stampa sarda – perché chi dà le notizie per lavoro deve superare un esame e rispettare le regole di un ordine professionale e chi invece fa impresa sull’informazione troppo spesso sembra sottratto ad ogni regola ed è libero di desertificare con disinvoltura il nostro panorama occupazionale”. La presa di posizione di Tabasso arriva all’indomani della prima udienza a Cagliari per il crac di Epolis: 25 lavoratori, per la gran parte giornalisti, hanno deciso di costituirsi parte civile nel procedimento. “Il pluralismo – conclude Tabasso – passa anche per buone pratiche imprenditoriali”. Diciannove gli indagati per i quali il Pm Giangiacomo Pilla ha chiesto il rinvio a giudizio: ci sono anche l’ex editore Nicola Grauso e il suo successore Alberto Rigotti. Due le società fallite che hanno fatto scattare le accuse di bancarotta: il gruppo editoriale Epolis e la società Publiepolis, concessionaria pubblicitaria su cui si appoggiavano i giornali aperti in varie regioni italiane. La decisione è affidata al gup Cristina Orbabo. Per questa vicenda lo scorso anno erano stati arrestati della Guardia di Finanza, su disposizione del Gip, i dirigenti societari Alberto Rigotti (65 anni, di Milano), Sara Cipollini (43, di Milano) e Vincenzo Maria Greco (70, di Roma). La Procura aveva poi chiesto il rinvio a giudizio del fondatore del gruppo free-press Grauso (66 anni, cagliaritano ma residente a Roma), Francesco Ruscigno (56, di Aversa), Alessandro Valentino (43, di Barletta), Carlo Momigliano (62, di Milano), Franco Manconi (69, di Cagliari), Giuseppe Virga (67, di Roma), Mauro Marciano (58, di Roma), Stefano Gobbi (romano di 48), Francesco Raia (67 di Iglesias), Michela Veronica Crescenti (46, di Ospedaletto), John Gaethe Visendi (milanese di 51), Anna Abbatecola (49, di Calvenzano), le sorelle Rosalba e Rosanna Chielli (54 e 44 di Prato), Claudio Noziglia (62, di Milano) e Luisella Garau (72, di Villanovafranca, amministratore unico di Epolis dal 2005 al 2007). Su quest’ultima il Gup ha disposto una perizia tecnica per capire se sia in grado di partecipare alle udienze. Con la chiusura dei giornali free-press del gruppo furono quasi un centinaio i giornalisti che si ritrovarono all’improvviso senza lavoro, costretti alla cassa integrazione. La società pubblicitaria concessionaria PubliEpolis fallì nel 2011. All’origine dei fallimenti delle due società, stando alle accuse de pm e della Guardia di Finanza, ci sarebbero distrazioni di ingenti quantità di denaro: i soldi e le attrezzature delle società venivano destinate ad uso di alcuni degli indagati. Soldi prelevati dalle casse della società o con carte prepagate o bonifici per migliaia di euro poi usati per alberghi, viaggi, soggiorni e palestre esclusive.La prossima prossima udienza è stata fissata per  il 24 giugno.

fonte: fnsi.it
foto: kartaedizioni.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informativa sui cookies

La piattaforma Wordpress utilizza i cookies. Questo blog, indipendentemente dalla volontà di chi lo aggiorna, rientra di conseguenza nella normativa in materia. Per ottemperare agli obblighi di legge sull'uso dei cookies, Wordpress consiglia di inserire nel blog un widget di testo - come questo - con un link alla Privacy Policy della piattaforma nella quale sono contenute le informazioni sui cookies utilizzati. Ad ogni modo, ricorda ancora Wordpress, è sempre possibile rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Proseguendo con la consultazione del blog si accetta l’utilizzo dei cookie.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: