Sindacati Regionali di Stampa

Il nuovo blog delle sindacaliste e dei sindacalisti delle Associazioni regionali di stampa della Fnsi

Matera, il sindacato all’Asm: “Quei bandi vanno rivisti”

ASM-MateraL’Associazione della Stampa di Basilicata esprime forti perplessità sulla formulazione di due bandi indetti dall’Azienda Sanitaria di Matera, per la copertura di un posto di “esperto in comunicazione”, iscritto all’Ordine dei Giornalisti. Si tratta di un avviso di mobilità preconcorsuale e di un successivo concorso pubblico.
Le criticità che emergono dai bandi sono diverse. Sia nell’avviso di mobilità sia nel concorso pubblico viene indicato come requisito il possesso della laurea in Scienze della comunicazione, Teoria e filosofia della comunicazione o titolo equipollente.
Appare quantomeno inopportuno restringere in questa maniera la platea dei possibili partecipanti. Ad esempio, un candidato laureato in Medicina non potrebbe affatto partecipare, nonostante l’Azienda Sanitaria di Matera si occupi proprio di materie sanitarie. Inoltre, nel momento in cui si pone come requisito l’iscrizione all’Ordine dei Giornalisti, titolo tra l’altro quanto mai opportuno in caso di mansioni che afferiscono alla professione giornalistica, si dovrebbe prendere atto che i giornalisti non hanno l’obbligo del possesso di un titolo di studio accademico. Pertanto, nei bandi sopra indicati, il possesso della laurea potrebbe essere indicato come titolo facoltativo messo a punteggio e non come titolo vincolante.
Un’altra criticità emerge dall’avviso di mobilità, definita “compartimentale”, per i giornalisti già assunti nella pubblica amministrazione, che volessero trasferirsi all’Asm. Infatti, possono partecipare solo i dipendenti del comparto del Servizio Sanitario Nazionale. Ciò appare incongruente per due motivi. Il primo è che a un bando destinato a un ente che opera nel campo della sanità possano partecipare dipendenti di altre Asl, ma non, ad esempio, dipendenti del Ministero della Salute o di altri enti pubblici. Il secondo motivo, ancor più rilevante del primo, è che essendo un avviso di mobilità preconcorsuale, dovrebbe essere aperto, per ragioni di economicità e neutralità finanziaria, a tutti i giornalisti dipendenti pubblici, tuttalpiù garantendo una votazione per titoli maggiore ai dipendenti del Servizio Sanitario Nazionale. Anche in questo caso, un simile requisito vincolante appare inopportuno.
Infine, si ritiene che i bandi, per poter avere maggiore pubblicità, avrebbero dovuto essere pubblicati sul sito istituzionale dell’Asm per un periodo di tempo non inferiore ai canonici 30 giorni. Mentre l’avviso di mobilità scade 17 giorni dopo la sua pubblicazione e il concorso pubblico scade 28 giorni dopo la sua pubblicazione.
Pertanto, l’Associazione della Stampa di Basilicata chiede all’Azienda Sanitaria di Matera di ritirare i due bandi in oggetto e di riformularli tenendo conto di questi rilievi dando la propria disponibilità a confrontarsi in modo costruttivo sulla materia in questione.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 5 febbraio 2015 da in Assostampa Regionali, Fnsi, Lavoro, Uffici Stampa con tag , , , , , .

Informativa sui cookies

La piattaforma Wordpress utilizza i cookies. Questo blog, indipendentemente dalla volontà di chi lo aggiorna, rientra di conseguenza nella normativa in materia. Per ottemperare agli obblighi di legge sull'uso dei cookies, Wordpress consiglia di inserire nel blog un widget di testo - come questo - con un link alla Privacy Policy della piattaforma nella quale sono contenute le informazioni sui cookies utilizzati. Ad ogni modo, ricorda ancora Wordpress, è sempre possibile rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Proseguendo con la consultazione del blog si accetta l’utilizzo dei cookie.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: