Sindacati Regionali di Stampa

Il nuovo blog delle sindacaliste e dei sindacalisti delle Associazioni regionali di stampa della Fnsi

Elezioni Fnsi, Ligure al voto il 30 novembre e 1 dicembre

marcello zinola 3Il prossimo 30 novembre e 1 dicembre si svolgeranno le elezioni per la scelta della delegazione congressuale e per il rinnovo degli organismi della Ligure.
Crisi generale, crisi dell’editoria, crisi pesante nella nostra regione dove nessun media è risparmiato dagli effetti: dall’emittenza radiotelevisiva ai media tradizionali passando per il multimediale. Per arrivare alla recente fusione La Stampa-Il Secolo XIX, con pesanti riflessi sul futuro del Corriere Mercantile. Le difficoltà sono anche rappresentante dal rinnovo parziale di un contratto che la Ligure ha inteso come soluzione tampone rispetto al momento, valutando come positivi alcuni elementi (come la riforma di parte della legge sugli stati di crisi, divieto dell’uso di pensionati e/o prepensionati nella testata dove lavoravano e/o in quelle dell’intero gruppo editoriale, i vincoli sulle assunzioni a tempo indeterminato al posto dei prepensionamenti, l’inclusione del principio del lavoro autonomo nel contratto come primo passo per una migliore tutela e diritti). In una situazione generale e dell’editoria diversa, la Ligure come altre associazioni di stampa regionali e realtà territoriali (Val d’Aosta, Trentino Alto Adige, Veneto, Basilicata, Puglia, colleghi di Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Toscana, Emilia Romagna, Abruzzo, Marche) che si riconoscono nel concetto del sindacato di servizio da fine anni Novanta, non avrebbero nemmeno accettato di sedersi al tavolo della discussione.
Tra circa un anno il contratto dovrà essere rinnovato nella sua interezza, soprattutto normativa, portando a compimento l’inclusione del lavoro autonomo in tutte le sue espressioni (oggi rappresenta ormai il 65% dei vari giornalismi) e il consolidamento di istituti come l’Inpgi, che ha sopportato e supportato e sopporta il peso di tutto il sistema di tutele sociali, e la Casagit. Ponendo l’esperienza di tutti a disposizione per una radicale e irrinunciabile riforma dell’ordine. In Liguria come in altre regioni c’era già stato un coerente passo con il rinnovamento secondo il principio che a rappresentare la categoria, nei diversi organismi e con gli incarichi esecutivi devono essere giornalisti in attività. Questo non vuol dire che esperienze e “risorse” di chi non è più in attività non siano utili, ma il futuro e la rappresentanza sindacale-politica ed esecutiva di questa professione sono, devono essere, nelle mani di chi la svolge come attività. L’ho sempre sostenuto e sono stato coerente (non ottuso) con questo principio. Nella professione e nel sindacato.
Non replichiamo qui, nel sindacato, quanto accade spesso nei media dove chi va in pensione o prepensionamento, continua ad avere collaborazioni pesanti nei giornali da dove è uscito con una (costruita giustamente negli anni) pensione oppure occupando posti da collaboratore che potrebbero (dovrebbero) essere lasciati all’opportunità di chi ha meno e soffre gli effetti della crisi e di un mercato del lavoro sempre più deregolamentato.
I nomi dei colleghi che si candidano rispondono a questi requisti, rappresentano largamente la realtà del lavoro dipendente e del lavoro autonomo. Chi si candida rappresenta anche un po’ il risultato del lavoro di questi anni, svolto anche a fronte se non delle resistenze, ma quantomeno dei dubbi o dell’indifferenza di alcuni, rispetto all’importanza e alla necessità dell’attenzione e del coinvolgimento del lavoro autonomo, della multimedialità, dei nuovi giornalismi nel lavoro e nella rappresentanza della categoria. Mi sono permesso di scrivere queste righe invitandovi ad andare a votare, a sostenere questi colleghi. A differenza di molti leoni da tastiera che strepitano dietro nomi di fantasia senza mettere nome e faccia in primo piano, loro ci mettono faccia, storie professionali, nome, competenze, passione, rischiando alcuni anche da “esordienti”. Ma come dice un antico proverbio buttero, “se non si va, non si vede”. Sosteniamoli.

Marcello Zinola
ex giornalista de Il Secolo XIX, prepensionato
già segretario della Ligure sino al novembre 2012

ECCO I LORO NOMI E IL PROGRAMMA

DELEGAZIONE AL XXVII CONGRESSO FNSI CANDIDATI

LISTA “Giornalisti liguri per un sindacato di servizio”:
Governare il presente non basta, dobbiamo guardare al futuro. Che nessuno può rubarci. Il futuro del giornalismo è fatto di vecchie e nuove professioni, di un contratto che in questo momento rappresenta una soluzione di emergenza con alcune scelte certamente condivisibili come l’inclusione del principio del lavoro autonomo e la salvaguardia del nostro istituto di previdenza. Ma non basta. Il contratto deve includere tutele per tutti, per coloro che stanno dentro le redazioni e per i colleghi freelance e lavoratori autonomi, per chi lavora nell’online, nell’emittenza privata, nel servizio pubblico Rai il cui valore va preservato, dal quale va buttata fuori la politica.
Il sindacato deve avere la forza e le idee per saper rappresentare tutti, per assomigliare a tutti i colleghi che lo compongono e che chiedono di essere tutelati nei loro diritti. Deve includere e non chiudersi. Deve farlo a cominciare dal nuovo contratto di lavoro, che il nuovo gruppo dirigente dovrà discutere tra pochi mesi.
Non siamo per una rottamazione fine a se stessa, ma nel sindacato come nel lavoro bisogna avere la forza di cambiare. Chi ha tutele e pensioni garantite, come sottolinea anche la riforma della legge 416 sui prepensionamenti, lasci spazio a chi deve ancora costruirsi un futuro. Nel lavoro come nel sindacato.
E deve essere soprattutto anche un sindacato di servizio, svolgere soprattutto per i colleghi che stanno fuori dalle redazioni un’importante operazione di collegamento con il lavoro, ovunque questo si trovi, in Italia come in Europa. Se il mondo cambia, anche noi dobbiamo cambiare, cercare nuovi modelli di sviluppo, ma che siano coerenti con la nostra storia.
Chi oggi si presenta nella lista “Giornalisti Liguri per un sindacato di servizio” conferma l’impegno a valorizzare il lavoro giornalistico dentro e fuori le redazioni, a cercare nuovi sbocchi occupazionali, a stabilizzare il lavoro precario e a tutelare l’autonomia della professione che passa attraverso la dignità del nostro lavoro.

CANDIDATI PROFESSIONALI
Alessandra COSTANTE (Secolo XIX, segretario uscente della Ligure)
Fabio AZZOLINI (Secolo XIX, giunte uscente Fnsi)
Valentina CAROSINI (lavoro autonomo, multimedialità e media tradizionali)
Andrea CAROTENUTO (multimedialità)
Annamaria COLUCCIA (Corriere Mercantile)
Giulia DESTEFANIS (lavoro autonomo, multimedialità e media tradizionali la Repubblica Genova)
Vincenzo GALIANO (Secolo XIX)
Riccardo TIVEGNA (Rai, Tgr Genova)

CANDIDATI COLLABORATORI
Astrid FORNETTI fotogiornalista, lavoro autonomo, multimedia il Secolo XIX
Marco BALOSTRO fotogiornalistga, lavoro autonomo, multimedia il Secolo XIX

PER IL RINNOVO ORGANISMI DELL’ASSOCIAZIONE LIGURE DEI GIORNALISTI
LISTA “Giornalisti liguri per un sindacato di servizio” composta da

PROFESSIONALI:
Alessandra COSTANTE (segretario uscente della Ligure, Secolo XIX)
Marina BALLOTTA (ufficio stampa Asl4)
Valentina CAROSINI (lavoro autonomo, multimedialità e media tradizionali)
Andrea CAROTENUTO (multimedialità)
Patrizia CAVANNA (Uff. stampa Regione Liguria)
Annamaria COLUCCIA (Corriere Mercantile)
Monica DI CARLO (Corriere Mercantile)
Luca DI FRANCESCANTONIO (Rai, Tgr, Genova)
Mario DE FAZIO (lavoro autonomo, multimedialità, il Secolo XIX Savona)
Giulia DESTEFANIS (lavoro autonomo, multimedialità e media tradizionali la Repubblica Genova)
Marco FAGANDINI (Il Secolo XIX, Chiavari)
Erika FALONE (multimedialità, emittenza radiotv, Radio 19)
Giuseppe FILETTO (Reubblica, Genova)
Enzo GALIANO (Il Secolo XIX)
Giuliano GNECCO (Il Secolo XIX)
Matteo INDICE (Il Secolo XIX)
Marco RAFFA (La Stampa, Savona-Ponente)
Luca ZENNARO (fotogiornalista, Ansa).

COLLABORATORI
Marco BALOSTRO (fotogiornalista, lavoro autonomo, multimedia e il Secolo XIX)
Cristina CAPACCI (multimedialità, emittenza locale, Telecity)
Astrid FORNETTI (fotogiornalista, lavoro autonomo, multimedia e il Secolo XIX)
Tiziano IVANI (fotogiornalista, lavoro autonomo, multimedia e il Secolo XIX La Spezia)
Diego MARRESE (fotogiornalista, lavoro autonomo, multimedia La Stampa, ponente Imperia Sanremo)

Collegio Probiviri (Professionali) Andrea Bagorda, Federico Buffoni, Marco Matteini, Roberto Pettinaroli.

Collegio Probiviri (collaboratori) Marco Marcellino

Collegio Revisori dei Conti (professionali) Giovanni Ciolina, Rino Di Stefano, Renato Sirigu, Angelo Verrando.

Collegio Revisori dei Conti (collaboratori) Federico Mereta

LE VOTAZIONI SI SVOLGERANNO DOMENICA 30 NOVEMBRE DALLE ORE 10 ALLE ORE 13, LUNEDI 1 DICEMBRE DALLE ORE 10 ALLE ORE 19 PRESSO I SEGGI DI (STESSI ORARI IN TUTTE LE SEDI)

GENOVA, VIA FIESCHI 3/26 SEGGIO CENTRALE
CHIAVARI – PRESSO LA REDAZIONE DE IL SECOLO XIX, VIA N. BIXIO 19/18
IMPERIA – PRESSO LA REDAZIONE DE IL LA STAMPA, VIA ALFIERI 10
LA SPEZIA – PRESSO LA REDAZIONE DE IL SECOLO XIX, VIA FAZIO 32
SAVONA – PRESSO LA REDAZIONE DE LA STAMPA, PIAZZA MARCONI 3/6

Per le modalità del voto, regolamento, come e quante preferenze si possono esprimere: http://www.associazioneliguregiornalisti.org

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informativa sui cookies

La piattaforma Wordpress utilizza i cookies. Questo blog, indipendentemente dalla volontà di chi lo aggiorna, rientra di conseguenza nella normativa in materia. Per ottemperare agli obblighi di legge sull'uso dei cookies, Wordpress consiglia di inserire nel blog un widget di testo - come questo - con un link alla Privacy Policy della piattaforma nella quale sono contenute le informazioni sui cookies utilizzati. Ad ogni modo, ricorda ancora Wordpress, è sempre possibile rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Proseguendo con la consultazione del blog si accetta l’utilizzo dei cookie.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: