Sindacati Regionali di Stampa

Il nuovo blog delle sindacaliste e dei sindacalisti delle Associazioni regionali di stampa della Fnsi

Aumento del prelievo sulle Casse? “Un furto fiscale”

Giù le mani dal futuro dei professionisti

di Alessandra Costante*

Ale Costante Portavoce2Se verrà confermata, con la legge di stabilità il governo si prepara ad ipotecare gravemente il futuro previdenziale di due milioni di professionisti, compresi i giornalisti. Un furto fiscale che innalza al 26% la tassazione delle casse previdenziali private e al 20% i fondi di previdenza complementare. Un caso, quello italiano, unico in tutta Europa, dove i patrimoni della previdenza che servono a garantire le pensioni, sono tassati al minimo. Perché invece di tassare i grandi patrimoni, le speculazioni in borsa, perseguire i grandi evasori, il governo preferisce fare cassa dove sa che i soldi ci sono e che nessuno li nasconde. Ma questi sono i soldi dei contributi con cui i professionisti italiani, giornalisti compresi, cercano di garantirsi futuro e presente.
L’Inpgi, il nostro istituto di previdenza, non si limita a pagare le pensioni, ma anche cassa integrazione, disoccupazione e contratti di solidarietà ai lavoratori di un settore che negli ultimi cinque anni ha perso oltre il 15% della sua forza lavoro, senza gravare sul bilancio dello Stato.
Ma anche sul secondo pilastro (la previdenza complementare) il comportamento del governo è schizofrenico: prima ci si dice che dobbiamo avere la previdenza integrativa, ci si costringe quasi a versare il nostro tfr nel Fondo, e poi lo si tassa a livelli per cui sarà obbligatorio ridurre le prestazioni future. Ma il Presidente del Consiglio si è domandato a chi sta riducendo le prestazioni pensionistiche future? Non certo alla “casta” dei giornalisti potenti, ma alle migliaia di colleghi che quando sono fortunati ormai guadagnano come un impiegato pubblico (ma con un orario di lavoro ben superiore) e quando non hanno questa fortuna devono accontentarsi di poche centinaia di euro al mese, i 240 euro dell’equo compenso tanto per capirci.
La misura della doppia tassazione, cozza anche con il bonus degli 80 euro: si pensa all’oggi e si danneggia il domani di migliaia di freelance, di cococo, di finte partite Iva.
Senza contare che il Jobs Act si appresta ad azzerare le tutele dell’art.18 in tema di licenziamenti individuali e ad umiliare il lavoro inserendo la possibilità di demansionamento che rovina la carriera e il salario futuro di migliaia di lavoratori.
Il Coordinamento delle Associazioni regionali di stampa per un Sindacato di Sarvizio, sarà al fianco dell’Inpgi e della Fnsi in ogni iniziativa volta a far cambiare verso al governo.

* Portavoce Coordinamento delle Assostampa
Per un Sindacato di Servizio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informativa sui cookies

La piattaforma Wordpress utilizza i cookies. Questo blog, indipendentemente dalla volontà di chi lo aggiorna, rientra di conseguenza nella normativa in materia. Per ottemperare agli obblighi di legge sull'uso dei cookies, Wordpress consiglia di inserire nel blog un widget di testo - come questo - con un link alla Privacy Policy della piattaforma nella quale sono contenute le informazioni sui cookies utilizzati. Ad ogni modo, ricorda ancora Wordpress, è sempre possibile rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Proseguendo con la consultazione del blog si accetta l’utilizzo dei cookie.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: