Sindacati Regionali di Stampa

Il nuovo blog delle sindacaliste e dei sindacalisti delle Associazioni regionali di stampa della Fnsi

Molise, il sindacato su pdl editoria: testo da emendare

Il Governatore Frattura

L’Associazione della Stampa del Molise commenta come leggete qui di seguito il varo della nuova proposta di legge regionale sull’editoria da parte della Giunta guidata dal governatore Paolo Frattura. Un progetto lodevole – esordisce il comunicato stampa – ma “il testo ha bisogno di sostanziali modifiche”. Ecco la nota integrale.

“La proposta di legge per l’editoria varata dalla Giunta è lodevole, ma il testo ha bisogno di sostanziali modifiche. All’esecutivo va l’apprezzamento per il sostegno (tre milioni di euro nel triennio 2015-2017) al mondo dell’informazione, alle prese con una profonda crisi. Positivo anche il fatto di aver attivato un Tavolo di concertazione con gli organismi di categoria e le aziende.
Ben lontani dall’intenzione di sollevare polemiche tanto dannose quanto inutili, rileviamo, però, che il testo finale non è quello auspicato e concordato. Alcuni passaggi, non in linea con quanto definito al Tavolo, rischiano di rendere iniqua e inapplicabile la legge, ove mai restasse nella stesura attuale.
Diverse le cose da chiarire e da rettificare: il riferimento al costo lavoro generico va sostituito con le retribuzioni dei giornalisti dipendenti; il requisito del numero degli assunti non tiene conto che nel comparto coabitano due tipologie contrattuali, con inquadramenti e retribuzioni diverse, che non permettono la comparazione; lo sbarramento all’ingresso, come previsto oggi, impedisce la partecipazione ai bandi al 90% delle testate. Macroscopica appare, poi, la discriminazione verso le Tv locali che accedono ai fondi nazionali della legge 448, e per questo escluse dagli aiuti regionali. Sulla materia abbiamo più volte sottolineato che i concessionari delle frequenze hanno costi di gran lunga superiori agli operatori di rete (cioè chi trasmette su un canale in affitto), dovuti all’acquisto, alla manutenzione, alla gestione e alla sostituzione dei ponti radio.
L’ultimo appunto va riservato al metodo di ripartizione delle provvidenze (65% costo giornalistico – 35% spese generali), che recepisce la proposta dall’Associazione della stampa, ma con una formulazione in delibera completamente diversa da quella originale, ostativa alla compensazione matematica e proporzionale tra le due tipologie di costi.
Nella convinzione che il Pdl licenziato abbia l’obiettivo dell’inclusione e non della discriminazione, riteniamo che già in sede di discussione in Commissione le forze politiche possono adoperarsi per sanare le discrasie presenti. Ove così non fosse, si darebbe vita ad un ‘mostro’ legislativo senza capo né coda, discriminante, fortemente sperequato, materialmente inapplicabile.
Esattamente l’opposto delle manifestate intenzioni del legislatore e dei bisogni del settore”.

Questo, invece, il comunicato stampa pubblicato sul sito della Regione Molise con il quale si informano i cittadini dell’approvazione in Giunta del disegno di legge recante norme e strumenti per il sostegno all’editoria locale.

“Nella ferma convinzione che il ruolo dell’informazione libera e plurale, diritto sancito dalla Costituzione italiana, sia un bene di assoluto interesse pubblico e la promozione di essa e dei diritti al pluralismo dell’informazione corrispondano, al tempo stesso, a un bisogno individuale e a un valore collettivo, la Giunta regionale, su proposta del presidente Paolo di Laura Frattura, ha approvato con delibera il disegno di legge recante norme e strumenti per il sostegno all’editoria locale, nella sua varietà di mezzi espressivi, giornali, periodici, tv, radio e online.
“Approviamo – spiega il governatore Frattura -, un testo frutto della più ampia concertazione con le parti. Questa proposta di legge, costruita nel corso di numerosi incontri con editori, Ordine regionale dei giornalisti e Assostampa Molise, contempla, nella sintesi delle varie istanze segnalate volta per volta da tutti gli attori coinvolti, il principale obiettivo della tutela del lavoratore, in questo caso dei giornalisti molisani. Il nostro disegno rivisita la vecchia norma, destinata esclusivamente alla carta stampata, norma poco attenta al fattore delle garanzie da assicurare a chi ogni giorno costruisce con professionalità il ciclo di notizie cui rendere informato, critico e consapevole il cittadino e poco rispondente alle rivoluzioni, in termini di mezzi comunicativi, che il mondo della stampa da tempo presenta”.
Tra le novità principali, l’ammissione al beneficio anche degli editori di periodici pubblicati via web, oltre all’estensione dell’intervento a tutti i canali di informazione generale, emittenti televisive e radiofoniche. Il sostegno alle imprese editoriali sarà erogato attraverso un meccanismo semplificato di individuazione dell’entità dei contributi, valorizzando i costi (65 percento per il costo del personale e 35 percento per i costi gestionali di natura generale).
“Con questi parametri – rimarca il presidente -, tuteliamo il livello occupazionale, per noi obiettivo prioritario della proposta di legge, premiando gli editori che non solo riescono a salvaguardare le risorse assunte, ma che procedono anche a nuove assunzioni”.

La proposta di legge per l’editoria passa ora al vaglio del Consiglio regionale e il presidente Frattura si augura di poter velocizzare l’iter legislativo per il varo definitivo da parte dell’Assemblea regionale del Molise. Bisogna confidare che la fretta non si confermi, una volta di più, cattiva consigliera.

Chi fosse interessato ad approfondire il tema trova qui il testo della proposta di legge a disciplina del sostegno all’editoria locale molisana (da scaricare)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informativa sui cookies

La piattaforma Wordpress utilizza i cookies. Questo blog, indipendentemente dalla volontà di chi lo aggiorna, rientra di conseguenza nella normativa in materia. Per ottemperare agli obblighi di legge sull'uso dei cookies, Wordpress consiglia di inserire nel blog un widget di testo - come questo - con un link alla Privacy Policy della piattaforma nella quale sono contenute le informazioni sui cookies utilizzati. Ad ogni modo, ricorda ancora Wordpress, è sempre possibile rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Proseguendo con la consultazione del blog si accetta l’utilizzo dei cookie.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: