Sindacati Regionali di Stampa

Il nuovo blog delle sindacaliste e dei sindacalisti delle Associazioni regionali di stampa della Fnsi

Liguria, la diocesi licenzia insorge il sindacato

Alessandra Costante, Segretario della Ligure

La storia è comune, o peggiore, ad altre vissute in altri posti di lavoro dell’editoria. Colpisce però che a recitare un ruolo degno delle peggiori storie del padronato senza regole e senza diritti per chi lavora, sia la Chiesa e, in particolare, la diocesi di Sanremo-Ventimiglia. Fabrizio e Mario raccontano la loro storia che vale più di ogni documento o nota sindacale. Con i colleghi abbiamo iniziato il lavoro, comune e simile a molte altre occasioni, per la vertenza e la tutela dei diritti, perché crediamo che in tutte le “vigne”, laiche e no, valga la regola della giusta mercede.

Di Fabrizio Tenerelli e Mario Gugliemi

Cari lettori di Riviera24, dopo sette lunghi anni trascorsi al vostro fianco, i sottoscritti Fabrizio Tenerelli (direttore) e Mario Guglielmi(redattore) sono qui, loro malgrado, a salutarvi, in quanto licenziati dall’editore, (la Diocesi di Ventimiglia-Sanremo) per non aver accettato il ricatto consistente nel rinunciare al proprio contratto di lavoro, in regola e a tempo indeterminato, in cambio di un contratto di collaborazione “capestro” che garantiva, in prima battuta, occupazione fino al 31 dicembre 2014 – con possibilità di tacito rinnovo – e come se ciò non bastasse, destinava parte dello stipendio annuale, alcune migliaia di euro, a pagare un “patto di non concorrenza” a fronte del quale si sarebbero entrambi impegnati, una volta ed eventualmente licenziati dal giornale, a non aprirne altri (giornali) o a collaborare con altri giornali, in provincia di Imperia. Davvero un gran bell’esempio di umanità da parte di una Chiesa che, per voce di Papa Francesco, cerca di valorizzare l’uomo nelle sue due massime espressioni che sono il lavoro e la famiglia. In un solo colpo, invece, hanno violato entrambe: il lavoro, licenziando due persone, e la famiglia. Ma non è tutto. Nell’ottica di una riorganizzazione aziendale necessaria perripianare alcune situazioni debitorie, l’azienda che lascia a casa due persone – e, intanto, acquista in leasing Ipad per tutti (che nessuno ha richiesto) inserisce in azienda almeno una terza persona. Operazione quest’ultima avvenuta in concomitanza con i due licenziamenti di chi, come dall’editore stesso affermato: “non ha voluto allinearsi”.

Considerazioni di Fabrizio Tenerelli
Nel mio caso, martedì scorso (30 settembre 2014) è successo questo: una volta giunto in redazione sono stato posto difronte a una costrizione: “o ti licenzi e firmi il nuovo contratto o sei licenziato”. In preda a un crollo nervoso e per paura di commettere errori dettati dalla fretta ho preferito allontanarmi per qualche ora, avvisando l’amministratore delegato sul cancello della redazione. Al mio ritorno in redazione mi sono trovato una lettera di richiamo per essermi allontanato senza giustificazione. Nel frattempo, ero anche andato a fare delle foto per un servizio.
A quel punto sono stato colto da un nuovo crollo nervoso, più pesante del primo e sono stato portato in ambulanza in ospedale. Al mio ritorno, mi è stato riferito che il vescovo non aveva gradito tutto questo trambusto e ho trovato sulla scrivania la lettera di licenziamento.

Considerazioni di Mario Guglielmi
Lavoravo da 7 anni per Riviera24 e da 13 anni per la struttura informativa della Diocesi che comprendeva anche l’emittente radiofonica. In tutti questi anni l’editore ha sempre avuto fiducia nel mio lavoro e ha sempre approvato quel che facevo giorno per giorno. Posso capire i problemi economici, ma da parte dell’editore, essendo diventato padre da poco tempo, a maggior ragione ho più che mai bisogno di sicurezze per il futuro. Con un contratto a tempo indeterminato avevo determinate tutele, con un contratto da collaboratore della durata di soli 3 mesi, tutto ciò non è possibile. Ho chiesto una tutela minima della durata di pochi anni per lavorare con un minimo di serenità, ho ricevuto un aut aut: “O firmi o sei licenziato”. Tutto questo nel giro di soli 5 giorni, tra la consegna del testo del nuovo contratto e l’ultimatum definitivo. La Chiesa da sempre attenta al sociale e alla difesa della famiglia, lo è ancora di più con la guida di Papa Francesco. Reputo quanto accaduto in contrasto con il messaggio del nuovo Pontefice.

fonte: associazioneliguregiornalisti.org

Un commento su “Liguria, la diocesi licenzia insorge il sindacato

  1. Pingback: Riviera24, reintegro per Tenerelli e Guglielmi | Sindacati Regionali di Stampa

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informativa sui cookies

La piattaforma Wordpress utilizza i cookies. Questo blog, indipendentemente dalla volontà di chi lo aggiorna, rientra di conseguenza nella normativa in materia. Per ottemperare agli obblighi di legge sull'uso dei cookies, Wordpress consiglia di inserire nel blog un widget di testo - come questo - con un link alla Privacy Policy della piattaforma nella quale sono contenute le informazioni sui cookies utilizzati. Ad ogni modo, ricorda ancora Wordpress, è sempre possibile rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Proseguendo con la consultazione del blog si accetta l’utilizzo dei cookie.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: