Sindacati Regionali di Stampa

Il nuovo blog delle sindacaliste e dei sindacalisti delle Associazioni regionali di stampa della Fnsi

Trentino, sostegno al lavoro autonomo “in rosa”

impresa rosaLe due province della Regione Trentino Alto Adige hanno da poco lanciato nuovi interventi a favore dell’imprenditoria femminile, con specifico riferimento anche alle libere professioniste e particolare attenzione alle questioni legate alla maternità e alla conciliazione famiglia-lavoro. Di seguito riportiamo i dettagli e i link alle pagine istituzionali dei due enti dove reperire maggiori informazioni, referenti e contatti.

La Provincia autonoma di Bolzano propone delle agevolazioni per l’imprenditoria femminile (tra le beneficiarie sono esplicitamente incluse le libere professioniste) in cui sono previsti contributi a fondo perduto per promuovere lo sviluppo imprenditoriale, con particolare attenzione alla creazione d’impresa, a modelli imprenditoriali innovativi, nonché alla qualificazione professionale delle donne imprenditrici, per favorire una partecipazione sempre più attiva delle donne al mercato del lavoro.
Sono ammesse ad agevolazione le seguenti iniziative:
– creazione di impresa (start up);
– nuova attività libero-professionale;
– rilevamento d’azienda e successione d’impresa;
– progetti innovativi (innovazione di prodotto o di processo);
– acquisizione di servizi di consulenza;
– formazione.
La spesa minima è di 3500euro, la spesa massima ammissibile è di 150mila euro. Oltre i 30mila euro è obbligatorio presentare un business plan triennale. È possibile ottenere contributi per investimenti solo in caso di creazione di nuova impresa o di nuova attività libero professionale (attività iniziata da non più di 24 mesi).
Sono ammesse a contributo le spese per impianti, macchinari, attrezzature e arredi solamente di nuova fabbricazione, creazione website, acquisto di brevetti, licenze, hardware e software.
Non sono ammesse spese per lavori di costruzione o ristrutturazione, acquisto di terreni o edifici, acquisto di beni usati (salvo si tratti di subentro aziendale), beni di consumo, veicoli, pubblicità e simili, acquisto di beni da noleggiare o affittare, costo dell’avviamento.

Tutte le informazioni sono reperibili a questo link.

La Provincia autonoma di Trento prevede, invece, attraverso l’Agenzia del Lavoro, un sostegno definito di Co-manager: incentiva i progetti che favoriscono la conciliazione delle donne imprenditrici e delle lavoratrici autonome che hanno necessità di essere sostituite pro tempore da una co-manager per motivi legati alla maternità o all’assistenza di familiari.
L’intervento prevede la concessione di un contributo economico erogato a titolo de minimis fino a 25mila euro per coprire il costo di sostituzione di una Co–manager.

Tutte le informazioni sono reperibili a questo link.

fonte: enpav.it
foto: lavoroimpresa.com

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informativa sui cookies

La piattaforma Wordpress utilizza i cookies. Questo blog, indipendentemente dalla volontà di chi lo aggiorna, rientra di conseguenza nella normativa in materia. Per ottemperare agli obblighi di legge sull'uso dei cookies, Wordpress consiglia di inserire nel blog un widget di testo - come questo - con un link alla Privacy Policy della piattaforma nella quale sono contenute le informazioni sui cookies utilizzati. Ad ogni modo, ricorda ancora Wordpress, è sempre possibile rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser. Proseguendo con la consultazione del blog si accetta l’utilizzo dei cookie.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: